Widgets Magazine
05:38 22 Luglio 2019
Scotland Yard

Scotland Yard: Stragi di Sousse e Bardo collegate

© AP Photo / Matt Dunham
Mondo
URL abbreviato
0 10

La conferma della polizia britannica, che collabora con l'intelligence tunisina nelle indagini sui due attentati che hanno sconvolto il Paese. Smantellate due cellule jihadiste: alcuni esponenti legati agli attentatori del Museo di Tunisi.

La conferma arriva direttamente dal capo dell'antiterrorismo di Scotland Yard, intervenuto ieri in una breve conferenza stampa sugli sviluppi delle indagini delle stragi di Sousse e del Bardo, in cui hanno perso la vita 60 persone, di cui 30 turisti britannici.

"Esiste un chiaro collegamento tra le investigazioni sul museo del Bardo e quelle su Sousse".

Così ha detto Richard Walton alla stampa britannica, confermando quanto dichiarato dalle autorità tunisine poco dopo l'attentato della spiaggia di Sousse. Pur non fornendo ulteriori dettagli, Walton ha parlato di "forti legami". La polizia britannica, che sta collaborando con la Tunisia attraverso l'impiego di 250 agenti, ha poi corroborato la tesi delle autorità di Tunisi, dicendosi a conoscenza dell'incontro avuto da Rezgui, responsabile dell'attentato sulla spiaggia, con i due uomini in azione al museo del Bardo.

E sempre sul fronte delle indagini, il ministero dell'Interno di Tunisi ha reso noto in queste ore di aver provveduto allo smantellamento di due cellule jihadiste. La prima, nella regione di Dahmani al Kef, sospettata di pianificare attentati contro caserme e posti di polizia; la seconda nella città di Kairouan, dove 7 uomini sono stati arrestati per presunti collegamenti con gli attentatori del Bardo e accusati di intrattenere rapporti con i terroristi presenti al confine libico. 

Correlati:

Tunisia, altri arresti per la strage di Sousse
Tunisia, il killer addestrato in Libia con il commando del Bardo
Tags:
bardo, Sousse, jihadista, jihad, Attentato, Scotland Yard, Richard Walton, Tunisia, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik