16:53 27 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
4122
Seguici su

In Cina gli eventi celebrativi in occasione del 70° anniversario della vittoria sul militarismo giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale potrebbero diventare una nuova e irritante spina nel fianco nei rapporti di Washington e Tokyo con Pechino.

Giovedì il portavoce ufficiale del ministero della Difesa cinese Yang Yujun aveva parlato del proseguimento dei contatti con i ministeri della Difesa e le strutture militari del Giappone, degli Stati Uniti e degli altri Paesi occidentali in merito alla partecipazione delle loro truppe nella parata militare di Pechino il prossimo 3 settembre, in occasione della vittoria cinese nella Seconda Guerra Mondiale. Contemporaneamente Mark Toner, assistente del portavoce del Dipartimento di Stato USA, non ha risposto alla domanda se gli Stati Uniti abbiano ricevuto l'invito per far partecipare i loro soldati a questo evento.

Le dichiarazioni del funzionario americano sono a metà tra un gioco diplomatico e l'ipocrisia. Subito dopo gli eventi celebrativi di Pechino in occasione del 70° anniversario della vittoria della resistenza cinese contro l'aggressione giapponese, il presidente cinese Xi Jinping effettuerà un tour di visite nel Paese. È chiaro che la partecipazione di unità militari americane alla parata militare di Pechino avrebbe creato un quadro più favorevole per il suo viaggio. Finora, a giudicare dalla risposta di Mark Toner, Washington non è disposta a parlarne. Eppure gli Stati Uniti, come la Cina, hanno contribuito alla vittoria sul Giappone nel Pacifico.

Alla parata prendono parte oltre 16mila soldati
© Sputnik . Host photo agency/Maksim Blinov
Alla parata prendono parte oltre 16mila soldati
La parata della Vittoria del 9 maggio scorso sulla Piazza Rossa a Mosca si era trasformata in un campo per una dura partita politica tra gli Stati Uniti e molti Paesi occidentali contro la Russia. Sembra che una campagna simile possa ripetersi nei confronti della Cina. Una delle questioni in sospeso è la partecipazione del primo ministro giapponese Shinzo Abe agli eventi in Cina di inizio settembre. La scorsa settimana fonti ufficiali giapponesi avevano improvvisamente riferito che a Tokyo il premier non aveva ricevuto alcun invito scritto. Si trattava solo di un invito verbale da parte del presidente cinese Xi Jinping in un breve incontro con Abe avvenuto ad aprile a Bandung, in Indonesia. Tuttavia a marzo era stato riferito che il primo ministro giapponese era stato invitato insieme con la presidente sudcoreana Park Geun-hye. Allora Yoshihide Suga, portavoce del consiglio dei ministri del Giappone, aveva confermato il ricevimento dell'invito, ma aveva osservato che la decisione non era stata ancora presa.

Nel frattempo è apparsa una nuova versione sulla possibile visita di Shinzo Abe a Pechino ai primi di settembre. Non se ne sarebbe parlato senza un invito della parte cinese, sottolinea Valery Kistanov, esperto dell'Istituto dell'Estremo Oriente:

"l'altro giorno sulla stampa giapponese era uscita la notizia secondo cui Abe potrebbe seguire l'esempio di Angela Merkel. Era arrivata a Mosca il 9 maggio, il giorno successivo aveva avuto un incontro a due con Putin. Si dice che Abe arriverà a Pechino non il 3 settembre per partecipare alla parata militare e alle celebrazioni, ma successivamente per incontrare Xi Jinping. Dietro a tutto questo c'è la mancanza di volontà del Giappone, degli Stati Uniti e degli altri Paesi occidentali di rendere omaggio alla Cina per il suo contributo alla sconfitta sul Giappone militarista. Soprattutto perché nelle celebrazioni di Pechino ci sarà il presidente russo Vladimir Putin."

Shinzo Abe
© AP Photo / Shizuo Kambayashi
Shinzo Abe, premier del Giappone
Se Abe arriverà il 3 settembre nella parata militare di Pechino, la visita sarà un messaggio di scuse per l'aggressione del Giappone contro la Cina e gli altri Paesi asiatici durante la Seconda Guerra Mondiale?

Secondo il direttore del dipartimento per l'Economia mondiale e lo Sviluppo dell'Istituto di Ricerca cinese di Studi Internazionali Jiang Yuechun, "Shinzo Abe probabilmente non parteciperà alle celebrazioni di Pechino del 3 settembre. Anche se venisse alla parata militare di Pechino, non significherebbe un cambiamento della posizione del Giappone. Nei libri di testo di storia giapponesi c'è ancora la formulazione "Giornata del ricordo della fine della Seconda Guerra Mondiale". Il Giappone non vuole ammettere di essere stato sconfitto durante la guerra, non vuole riconoscere la sconfitta militare subita dal popolo cinese. I giapponesi credono di aver perso la guerra contro gli americani. Per questo celebrano il 15 agosto "il giorno della fine della guerra". Si tratta solo della fine della guerra, non c'è alcun riferimento sulla sconfitta. Così l'interpretazione di questo periodo storico e l'atteggiamento del Giappone non hanno subito alcuna modifica".

Mentre ci avviciniamo alla parata militare del 3 settembre in Piazza Tiananmen, il tema della presenza degli ospiti stranieri sarà un indicatore dei loro rapporti con la Cina, un segnale sul riconoscimento del contributo cinese alla vittoria sul nazifascismo e sul militarismo. Recentemente il Cremlino aveva confermato che il presidente russo Vladimir Putin sarebbe stato presente alle celebrazioni di Pechino. Allo stesso modo ci saranno i leader dei Paesi dell'Organizzazione di Shanghai per la cooperazione (SCO) partner della Cina.

Correlati:

Dottrina navale della Russia: le priorità sono Crimea, Artico e Cina
Il Giappone protesterà ufficialmente contro gli USA se confermato lo spionaggio della NSA
Giappone, premier Abe vuole risolvere le dispute territoriali con la Russia
Andiamo ai summit SCO e BRICS insieme a Xi Jinping
Tags:
sviluppo, Economia, Seconda Guerra Mondiale, Mark Toner, Yang Yujun, Xi Jinping, Shinzo Abe, Vladimir Putin, Pechino, Giappone, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook