09:10 26 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 11°C
    Alexis Tsipras, primo ministro della Grecia

    Tsipras conferma esistenza piano emergenza: Dovere governo responsabile

    © Sputnik. Sergey Guneev
    Mondo
    URL abbreviato
    116420

    Il premier ellenico scongiura la “ritirata strategica” del suo partito nella difficile partita per il nuovo piano di aiuti: congresso straordinario a settembre. Poi l'ammissione, con una precisazione: Nessuna Grexit, era piano di emergenza.

    Si terrà in settembre il congresso straordinario di Syriza, il partito del premier ellenico Alexis Tsipras. La decisione, presa dal Comitato Centrale del partito e comunicata nel corso della nottata, per uscire dall'impasse creatasi per l'opposizione dell'ala dura del partito sulla difficile trattativa per il nuovo piano di salvataggio della Grecia.

    Oggi invece, rispondendo ad un'interrogazione parlamentare sul piano B, che sarebbe stato elaborato da Varoufakis dopo la vittoria elettorale in Grecia e di cui si dibatte da giorni nel Paese, Tsipras ha precisato i termini della vicenda, assumendo la responsabilità della decisione presa in quei giorni.

    "Non abbiamo elaborato né avevamo un piano per portare il paese fuori dall'euro, ma avevamo piani di emergenza".

    Il premier ellenico, che ha rivendicato la legittimità della scelta, ha poi rincarato la dose, sostenendo che era necessario e doveroso, mentre i partner europei preparavano scenari d Grexit, correre ai ripari con piani di emergenza.

    "Avreste dovuto criticarci — ha concluso polemicamente Tsipras — se non avessimo avuto piani di emergenza". Poi la stoccata: "Dovreste accusare le istituzioni internazionali per i piani sulla Grexit". 

    Correlati:

    Tsipras stralcia la riforma sulle pensioni
    Russia, Cremlino nega di aver ricevuto richieste di aiuti finanziari da Tsipras
    Tags:
    piano B, Crisi in Grecia, Grexit, Comitato Centrale, Alexis Tsipras, Grecia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik