21:16 21 Ottobre 2017
Roma+ 18°C
Mosca+ 0°C
    L'entrata nell'Eurotunnel

    Calais, migranti all'assalto dell'Eurotunnel: 1 morto

    © AFP 2017/ Denis Charlet
    Mondo
    URL abbreviato
    110802

    La sponda francese del canale sotterraneo della Manica preso d'assalto da migliaia di migranti che cercano di raggiungere il Regno Unito.

    Un migrante è morto questa notte a Calais nel tentativo di accedere all'Eurotunnel per raggiungere il Regno Unito. Da settimane la città francese è meta di pellegrinaggi notturni da parte di migliaia di migranti che, raggiunta la Francia, tentano in ogni modo di salire sui treni che imboccano il tunnel sotterraneo della Manica.

    Ed erano circa duemila nella notte tra martedì e mercoledì uelli che hanno provato ad assaltare la stazione ferroviaria francese, secondo quanto riferito dalla polizia di frontiera transalpina.

    Un portavoce dell'Eurotunnel ha poi confermato quanto diffuso dai media locali nelle prime ore della mattina, ossia del ritrovamento del corpo senza vita di un migrante, non ancora identificato.

    "Il nostro team — ha fatto sapere un portavoce dell'azienda di trasporti — ha trovato un cadavere questa mattina e i vigili del fuoco hanno confermato la morte di questa persona".

    Il portavoce dell'Eurotunnel ha inoltre confermato che quello di questa notte è il più massiccio tentativo di accesso ai treni da parte di migranti accampati in città degli ultimi mesi. Tra giugno e luglio di quest'anno a Calais sono stati complessivamente stoppati tra i 6mila e gli 8mila migranti, mentre il bilancio delle vittime dei tentati viaggi clandestini verso il Regno Unito degli ultimi due mesi è adesso salito a nove persone. 

    Correlati:

    Francia, migrante muore nel tunnel della Manica
    Migranti, Alfano: Via i prefetti che non reggono l'urto
    Naufragio sulle coste libiche, morti 40 migranti
    UE, accordo al ribasso sulle quote migranti
    Tags:
    migranti, Eurotunnel, Morte, La Manica, Gran Bretagna, Francia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik