11:46 22 Ottobre 2017
Roma+ 18°C
Mosca-2°C
    Profughi

    Iraq, 3,1 milioni di sfollati a causa del conflitto

    © AP Photo/ Karim Kadim
    Mondo
    URL abbreviato
    0 78 0 0

    Oltre tre milioni di persone costrette a spostamenti all'interno dell'Iraq dall'inizio di gennaio 2014. I dati dell'Organizzazione Internazionale per i Migranti: 250mila soltanto dallo scorso aprile nella regione del governatorato di Anbar.

    L'Organizzazione Internazionale per i Migranti, agenzia intergovernativa con sede a Ginevra, ha diffuso in queste ore i dati sul monitoraggio effettuato in Iraq dall'inizio del conflitto contro l'ISIS a gennaio del 2014. I numeri che descrivono la tragedia umanitaria che sta colpendo la regione sono sintetizzati nella cifra complessiva di profughi dalle zone di guerra irachene, che si attesta, a 17 mesi dall'apertura delle ostilità nel Paese, a 3,1 milioni di persone.

    Da ieri è partita l'offensiva irachena per riprendere il controllo di Ramadi
    © AFP 2017/ Azhar Shallal

    Il dato comprende le recenti migrazioni di massa che hanno coinvolto la città di Falluja, al centro di aspri combattimenti tra forze governative irachene e miliziani jihadisti, che nelle ultime 2 settimane ha fatto registrare la fuga di oltre 75mila persone, così come quello relativo a Ramadi, nel governatorato di Anbar, da dove sono dovuti scappare oltre 250mila individui in poco più di due mesi.

    L'agenzia precisa, nella nota che accompagna i dati pubblicati oggi, che il 67% tra loro ha trovato rifugio in abitazioni private, presso famiglie o alberghi, il 20% tra loro vivono tuttora in condizioni di disagio in edifici fatiscenti o incompiuti, scuole e altre strutture approntate per l'emergenza, mentre è l'otto per cento, oltre 250mila persone sono accampate in campi profughi.

    Nel report diffuso oggi l'IOM rende noto di avere provveduto, in collaborazione con il Country Team delle Nazioni Unite presente in Iraq, alla somministrazione di aiuti non alimentari a 138mila famiglia in tutto il Paese, provvedendo anche a fornire alle popolazioni interessate sostegno psicologico, logistico e sanitario. 

    Correlati:

    Putin invia messaggio di condoglianze ai dirigenti Iraq
    Pentagono pubblica strategia militare USA: opposizione a Russia, minacce da Iraq e Cina
    Tags:
    Migranti, Profughi, Organizzazione Internazionale per i Migranti, Iraq
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik