14:12 21 Ottobre 2017
Roma+ 20°C
Mosca+ 3°C
    Cacciatorpediniere Jason Dunham della marina USA

    Nave militare italiana salpa per missione Nato nel Mediterraneo

    © Foto: Official U.S. Navy Page
    Mondo
    URL abbreviato
    0 1034115

    L'operazione Active Endeavour ha il compito di garantire il controllo e la sicurezza della navigazione nelle acque del Mediterraneo.

    Oggi la fregata Bersagliere della Marina militare salperà da La Spezia per aggregarsi al Secondo Gruppo Navale Permanente della Nato, Standing Nato Maritime Group 2 — Snmg2, e per prendere parte all'operazione Active Endeavour che ha il compito di garantire il controllo e la sicurezza della navigazione nelle acque del Mediterraneo. Active Endeavour è un'operazione militare navale della Nato nel Mare Mediterraneo il cui scopo è prevenire movimenti di terroristi o traffico di armi di distruzione di massa e in generale garantire la sicurezza della navigazione.

    In origine nacque come una delle risposte agli attentati alle torri gemelle dell'undici settembre 2001.

    Lo riferisce un comunicato stampa della Marina Militare italiana, secondo cui la nave Bersagliere, al comando del capitano di fregata Stefano Cossu, fornirà con un equipaggio di 165 militari, il suo contributo in ambito internazionale, dopo aver concluso da poco un'intensa attività nel "Dispositivo Navale di Sorveglianza e Sicurezza Marittima" dell'operazione "Mare Sicuro", durata quattro mesi.

    Il Snmg2, di cui fanno parte anche altre unità della Nato, la tedesca Fgs Hamburg, l'inglese Hmcs Winnipeg, la statunitense Uss Donald Cook e le due spagnole Esps Santa Maria, Esps Cantabria, è dallo scorso 25 giugno sotto il comando del contrammiraglio Jorg Klein della Marina militare tedesca.    

    Correlati:

    Allarme Onu: record di migranti nel Mediterraneo
    La Nato punta sulla Romania per la stabilità del Mar Nero
    Nelle acque della Bulgaria iniziate le esercitazioni navali della NATO
    Tags:
    nave, Nave USA, SNMG-2, NATO, Mediterraneo
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik