15:46 21 Ottobre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 3°C
    Rottami boeing 777 Malaysia Airlines precipitato in Ucraina

    Tragedia MH17, Russia pronta a test reale con missile e boeing per accertare verità

    © AP Photo/ Sergei Grits
    Mondo
    URL abbreviato
    0 1008321

    La società "Almaz-Antei" ha ottenuto nuove informazioni sullo schianto del boeing malese (volo MH17) in Ucraina, confermanti l'inconsistenza della versione secondo cui il lancio del missile sarebbe avvenuto dal territorio controllato dalle milizie filorusse del Donbass, ha riferito oggi l'ufficio stampa della compagnia.

    "Le nuove scoperte degli esperti della società confermano ancora una volta l'inconsistenza della versione secondo cui il razzo sarebbe stato sparato nei pressi di Snezhnoye. Questa versione non regge, in quanto le condizioni della collisione del missile con l'aereo non corrispondono ai danni rinvenuti sulla fusoliera del boeing della Malaysia Airlines, e contrasta gli algoritmi di funzionamento del fusibile del razzo e le caratteristiche del campo di frammenti dove sono caduti i resti della testata," — si afferma nel comunicato.

    La società è pronta a sperimentare l'impatto del razzo con un boeing dismesso simile a quello malese e mostrare i risultati del test agli esperti internazionali.

    "La direzione di "Almaz-Antei" riafferma la disponibilità a tenere un grande test per vedere l'impatto di un missile 9N314M 9M38M1 con una fusoliera di un aereo dismesso simile a quello precipitato lo scorso 17 luglio nei cieli dell'Ucraina", — si legge nel comunicato.

    "Siamo certi che i risultati dell'esperimento confermeranno la correttezza delle nostre conclusioni sulla base delle analisi di un'equipe di esperti ed infine spazzerà via ogni domanda sul tipo di missile e le coordinate della zona da dove è stato lanciato," — sono riportate nel comunicato le dichiarazioni del direttore generale della compagnia Yan Novikov.

    Tags:
    Giustizia, Tragedia MH17, Indagine sul Boeing MH17, Almaz-Antei, Donbass, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik