07:46 24 Ottobre 2017
Roma+ 6°C
Mosca-3°C
    Crimea

    UE non annullerà i visti di Schengen ai russi che sono stati in Crimea

    © Sputnik. Vladimir Ostapkovich
    Mondo
    URL abbreviato
    0 53505

    In precedenza aveva paventato la possibilità di introdurre le sanzioni contro i russi che erano stati in Crimea, nella forma di annullamento dei visti Schengen o congelamento dei beni il consigliere del ministero delle Politiche Agrarie e Alimentari dell'Ucraina.

    L'Unione Europea ha espresso "grande stupore" per la notizia secondo cui Bruxelles avrebbe potuto annullare i visti ai russi a seguito di una loro visita in Crimea, sottolineando che una tale opzione è "categoricamente esclusa", riporta il quotidiano russo "Kommersant" riferendosi ad una fonte di alto livello nelle istituzioni della UE.

    La affermazione secondo cui i cittadini russi che avevano visitato la Crimea sarebbero stati privati dei visti di Schengen era stata fatta dall'ex ministro del Turismo della Crimea, Alexander Liev, che attualmente ricopre il ruolo di consigliere del ministero delle Politiche Agrarie e Alimentari dell'Ucraina.

    Il funzionario ucraino aveva riferito che le autorità del Paese intendono trasmettere alle missioni diplomatiche della UE l'elenco di chi aveva violato i confini per annullare i loro visti di Schengen.

    Inoltre Liev ha detto che Kiev sta pensando di inasprire le pene per la violazione della legge ucraina "Sui territori occupati". La normativa vigente prevede la responsabilità amministrativa e penale per l'ingresso illegale nel territorio della Crimea, con una pena massima fino ad 8 anni di reclusione.

    "Per 4 anni come ministro del Turismo, ero impegnato nelle campagne per far venire i russi in Crimea, ma ora avvertono delle gravi conseguenze che corrono, — ha detto Liev. — L'inasprimento delle pene è chiaramente supportato da tutti i partiti. Ora si discute affinchè la questione sia introdotta nel Parlamento nel corso della prossima sessione. E' possibile che, oltre alla legge "Sui territori occupati", i trasgressori subiranno una serie di sanzioni ad hoc applicate soprattutto dall'Ucraina".

    Ha spiegato, per esempio, che i trasgressori potranno vedersi sequestrati i beni qualora "si trovino nel territorio dell'Ucraina." Inoltre Liev ha detto che "i trasgressori" potrebbero avere problemi nel ricevere i visti di Schengen.

    Tuttavia, secondo quanto riferito da un alto funzionario di Bruxelles,

    "l'Europa non si metterà a contare quelli che si sono recati in Crimea e non limiterà in alcun modo il loro diritto di entrare nei Paesi di Schengen."

    Tags:
    Politica, sanzioni antirusse, Turismo, Società, Schengen, Visto, Unione Europea, Russia, Crimea
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik