10:09 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-6°C
    Auto bruciate a Mukachevo durante lo scontro con radicali di Settore destro

    Spiegel: una prova in vista di una rivolta contro Kiev

    © AFP 2017/ Alexander Zobin
    Mondo
    URL abbreviato
    0 75270

    Secondo il settimanale tedesco Der Spiegel, il conflitto a Mukachevo fa pensare a una prova in vista di una rivolta contro il governo dell’Ucraina.

    Kiev aveva armato i battaglioni dei volontari, compresi quelli di "Settore destro", per usarli nella guerra contro Donbass. Adesso i radicali hanno sfidato il potere, aprendo un "secondo fronte" a Mukachevo, a soli 40 km dal confine ungherese, scrive il settimanale.

    L'11 luglio a Mukachevo si è tenuto uno scontro tra alcuni combattenti di "Settore destro" e la polizia, schieratasi in difesa degli imprenditori locali. Sono stati usati lanciarazzi e fucili d'assalto. La sparatoria ha provocato la morte di 3 e il ferimento di 13 persone. I radicali hanno spiegato che il loro scopo era quello di stroncare il giro di contrabbando, nel quale, a loro detta, erano coinvolti i funzionari locali.

    Dopo il conflitto di Mukachevo, "Settore destro" ha diramato una dichiarazione, con la quale ha in sostanza dichiarato guerra al governo ucraino "d'occupazione". I radicali hanno dichiarato che la rivoluzione nazionale in Ucraina — quella vera — è fallita per colpa dei politici, venuti al potere attraverso "il sangue del popolo".

    "Settore destro" minaccia un'ulteriore scalata del conflitto. Il movimento ha informato che è pronto a dare ai suoi battaglioni l'ordine di marciare su Kiev. Intanto centianaia di nazionalisti hanno manifestato nella capitale di fronte alla sede dell'amministrazione del presidente. Manifestazioni dei radicali sono state inscenate anche in altre città dell'Ucraina.

     

    Le bandiere del movimento Settore destro
    © Sputnik. Stringer
    Le bandiere del movimento "Settore destro"

    Il leader dei radicali, Dmitry Yarosh, continua Der Spiegel, sta recitando la parte di uno "statista ragionevole": si è recato subito a Mukachevo per "risolvere la crisi con mezzi pacifici".

    Yarosh però non nasconde che la sua lealtà al governo non è infinita, osserva il settimanale tedesco. In una delle sue interviste aveva già fatto un avvertimento a Kiev, dichiarando:

    "La nostra rivoluzione non è finita".

    "Settore destro" è un'associazione dei nazionalisti ucraini. In gennaio e febbraio 2014 i combattenti del movimento avevano partecipato agli scontri con la polizia e all'occupazione degli edifici, dal mese di aprile in poi — alle azioni di forza contro gli abitanti dell'Est dell'Ucraina.

    In novembre dell'anno scorso la Corte Suprema della Federazione Russa ha riconosciuto "Settore destro" come organizzazione estremista, vietando la sua attività in territorio della Russia. In gennaio "Settore destro" è stato iscritto al registro delle organizzazioni proibite. Contro Dmitry Yarosh in Russia in precedenza era stato aperto un procedimento per istigazione al terrorismo.    

    Correlati:

    A Kiev “Settore destro” minaccia di bruciare la sede dell’amministrazione di Poroshenko
    Estremisti di Pravy Sektor sul piede di guerra contro Kiev: disordini in Transcarpazia
    Tags:
    Minacce a Kiev, Mukachevo, Der Spiegel
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik