12:11 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Fonti diplomatiche ai colloqui di Vienna hanno riferito a RIA Novosti che il principale ostacolo al raggiungimento di un accordo globale sul programma nucleare iraniano sono le controversie riguardo i tempi e il meccanismo di revoca dell'embargo sulle armi a Teheran.

In precedenza una fonte iraniana vicina ai negoziati aveva detto all'agenzia di stampa russa che

l'accordo sull'Iran presuppone la rimozione graduale dell'embargo sulle armi a Teheran, cosa che le avrebbe permesso di ricevere armi difensive dagli alleati nella regione per combattere il terrorismo e il fondamentalismo. Secondo lui, anche se in contrasto con le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, non pregiudicherebbe l'accordo globale.

Dopo i colloqui con il capo della diplomazia iraniana Jafad Zarif, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha detto ai giornalisti che seguono il ciclo di negoziati tra l'Iran e il "sestetto" che sussistono sempre le possibilità per raggiungere un'intesa definitiva.

I rappresentanti della stampa gli hanno chiesto se vi sia la possibilità di ottenere un accordo nelle prossime ore.

"La chance ci sono sempre," — ha detto il ministro, lasciando l'albergo "Coburg", dove proseguono le consultazioni sul nucleare iraniano.

Tags:
Mohammad Zarif, Nucleare, Politica Internazionale, Sanzioni, Armi, Mediatori internazionali su nucleare iraniano, Sergej Lavrov, Russia, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook