06:38 22 Novembre 2017
Roma+ 7°C
Mosca0°C
    Maidan, 2014

    Durante le proteste di Maidan a Kiev l'ambasciata del Canada ha difeso i manifestanti

    © Sputnik. Andrei Stenin
    Mondo
    URL abbreviato
    1906216

    L'ambasciatore del Canada in Ucraina ha raccontato che i manifestanti hanno trovato ospitalità nell'edificio della rappresentanza diplomatica per una settimana, tuttavia il governo canadese non rendeva pubblico questo fatto. Ha inoltre riconosciuto che i manifestanti non hanno causato alcun danno nel palazzo durante la loro permanenza.

    I partecipanti alle manifestazioni antigovernative che avevano infiammato Kiev nel 2014 per una settimana hanno sfruttato l'ambasciata del Canada della capitale ucraina come rifugio, riporta il quotidiano "Toronto Star", riferendosi ad un'inchiesta condotta dall'agenzia di stampa canadese "Canadian Press".

    "Secondo molte fonti a Kiev ed Ottawa, tutto è iniziato quando uno dei manifestanti, inseguito dalla polizia, ha iniziato a sventolare il passaporto canadese davanti le guardie dell'ambasciata. Non appena la porta si è aperta dietro l'uomo seguivano altri manifestanti, armati di bastoni e pietre," — riferisce il giornale.

    L'ambasciatore del Canada in Ucraina Roman Vashchuk ha ammesso in un'intervista che

    l'uomo in possesso del passaporto canadese, "era in qualche modo legato ad un gruppo di dimostranti."

    Ha inoltre ammesso che i manifestanti sono stati collocati nella hall principale dell'ambasciata per una settimana. Questo fatto, come rileva il giornale, non è stato reso pubblico dal governo canadese.

    Il capo della rappresentanza diplomatica canadese ha aggiunto che i manifestanti non hanno causato alcun danno durante la loro permanenza nell'edificio. "Come mi hanno detto, sarebbe durato pochi giorni, quando se ne sono andati hanno lasciato dei fiori," — ha detto Vashchuk.

    Secondo il diplomatico, dopo questo episodio, che ha definito come "un gesto per rispondere e venire incontro alle persone vittime degli scontri di piazza", l'ambasciata ha rafforzato le misure di sicurezza.

    Come hanno riferito all'agenzia stampa canadese alcuni rappresentanti rimasti nell'anonimato del ministero degli Esteri dell'Ucraina, a seguito delle azioni dei manifestanti era stata aperta un'inchiesta penale, ma dopo la deposizione di Viktor Yanukovych, allora presidente dell'Ucraina, l'indagine è saltata.

    Nel febbraio 2014 il ministero dell'Interno ucraino aveva riferito che un gruppo di estremisti aveva preso d'assalto l'ambasciata canadese e l'aveva occupata. La polizia inoltre aveva riferito che gli aggressori avevano rubato un camion, che era stato poi scagliato contro la gente. Allora rimasero ferite 3 persone, mentre il camion venne bruciato.

    In Ucraina il 22 febbraio 2014 si è compiuto un colpo di stato. Il Parlamento aveva deposto il presidente Yanukovych, che è stato costretto a lasciare l'Ucraina. Il Parlamento aveva inoltre modificato la Costituzione ed aveva indetto nuove elezioni presidenziali, successivamente vinte da Poroshenko. Le nuove autorità ucraine hanno poi incriminato Yanukovych e diversi altri ex funzionari.

    Tags:
    Maidan, Ambasciata, Protesta, Violenza, Manifestazione, Roman Vashchuk, Canada
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik