08:39 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-6°C
    Tunisia

    Tunisia, un muro al confine con la Libia per fermare il terrore dell’Isis

    © AP Photo/ Christophe Ena
    Mondo
    URL abbreviato
    0 29723

    La Tunisia ha avviato la costruzione di un muro lungo il confine con la Libia per impedire l’ingresso di militanti dello Stato islamico attraverso il confine tra i due paesi.

    Secondo quanto dichiarato dal premier Habib Essid in un'intervista alla tv nazionale, il muro coprirà 168 chilometri, circa un terzo del confine e sarà completato entro la fine dell'anno.

    Ci saranno inoltre centri di controllo di sicurezza lungo il confine, con apparecchiature elettroniche, pattuglie e sorvoli per garantire la piena sorveglianza dei confini.

    Autoambulanza a Tunisia
    © AP Photo/ Zoubeir Souissi
    A Sousse, il 26 giugno scorso, hanno perso la vita 38 persone. L'attentatore, identificato come Seifeddine Rezgui, è un cittadino tunisino addestrato in Libia.

    Secondo Essid, l'obiettivo è isolare il Paese dalla confinante Tripolitania, area libica dove è forte la presenza di jihadisti legati ad Al Qaeda e allo Stato Islamico e dove è in corso una lotta di potere tra le decine di gruppi estremisti che operano nella zona.

    A sua volta, è proprio il sud della Tunisia il territorio in cui si radicalizzano e si addestrano i combattenti che hanno reso il Paese quello da cui parte il più alto numero di foreign fighters per andare a combattere in Siria, Iraq e anche Libia. Ne sono un esempio i 30 giovani di Remada, nel governatorato di Tataouine, nel sud della Tunisia, scomparsi da mesi e che le autorità di Tunisi temono abbiano raggiunto la Libia per unirsi ai jihadisti.

    Già il 4 luglio, il presidente della Tunisia, Beji Caid Essebsi ha proclamato lo stato d'emergenza, ampliando i poteri in mano alle forze dell'ordine nella lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata.

    "La guerra contro il terrorismo è responsabilità di tutti i tunisini — ha precisato oggi il premier — il nostro dovere è il rispetto della Costituzione e lo stato d'emergenza mira a proteggere le istituzioni", anche se "agiremo conformemente alla legge".

    Correlati:

    Tunisia, il killer addestrato in Libia con il commando del Bardo
    Tunisia, altri arresti per la strage di Sousse
    Tags:
    jihadista, jihad, Terrorismo, Muro, Attentato, Al Qaeda, Habib Essid, Beji Caid Essebsi, Libia, Stato Islamico, Tripolitania, Tunisia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik