14:07 21 Agosto 2017
Roma+ 29°C
Mosca+ 28°C
    Presidente della Comissione Europea Jean Claude Juncker

    Juncker: “Eviterò Grexit fino alla fine”

    © AFP 2017/ JOHN THYS
    Mondo
    URL abbreviato
    112920

    L'intervento del presidente della Commissione Europea alla plenaria di questa mattina a Strasburgo: fremo di tutto per aiutare i cittadini greci, ma senza dimenticare il resto d'Europa.

    "E' tempo che torni i buonsenso". Con queste parole il presidente della Commissione Europea, Jean Claude Juncker, ha manifestato questa mattina l'auspicio di una proficua ripresa del dialogo tra Grecia e partner europei, all'indomani del terremoto politico scatenato dalla vittoria a valanga dei NO al referendum tenutosi domenica in Grecia.

    Proprio a proposito del referendum però, la frecciatina di Juncker, che si è detto perplesso per la decisione del governo Tsipras.

    "Hanno detto no a una proposta che, nel momento in cui hanno votato, era già stata superata".

    La posizione di Juncker, che a differenza di molti altri leader europei ha parlato del referendum soltanto oggi, a consultazioni terminate, è comunque per il dialogo a tutti i costi. Lo ribadisce il presidente affermando di essere contro l'ipotesi di uscita del Paese dalla moneta unica comunitaria.

    "Sono contro la Grexit e lotterò fino alla fine per evitarla". Queste le parole con cui Juncker ha accompagnato gli sviluppi delle ultime ore, non mancando poi di sottolineare che va assolutamente interrotta quella che ha definito "una sparatoria a bruciapelo".

    Il riferimento esplicito è alle parole durissime usate in questi mesi di negoziato da Yanis Varoufakis, sacrificato da Tsipras nella notte della vittoria referendaria proprio per mandare un segnale all'Eurogruppo, con cui l'ormai ex ministro era entrato troppo spesso in pericolose collisioni dialettiche.

    Nuovo ministro delle Finanze greco Euclid Tsakalotos
    © AFP 2017/ LOUISA GOULIAMAKI
    Oggi alle 13 sarà il suo successore, Euclid Tsakalotos, già a capo dei negoziati ed oggi neoministro per l'Economia, a presentare le ultime proposte di Atene ai partner dell'Eurogruppo. "Porte aperte ad un piano serio", come sottolineato nella conferenza stampa congiunta Merkel-Hollande seguita al bilaterale i ieri. Ancora qualche ora di attesa e si capirà se da quelle porte, una volta chiuse, Atene ne sarà rimasta fuori. 

    Correlati:

    La Grecia dice "no". E adesso?
    Grecia, Mattarella: “Scenari inediti per UE”
    Grecia: i partiti raggiungono consenso sullo scopo del negoziato con creditori
    Tags:
    crisi, Referendum in Grecia, Crisi in Grecia, Grexit, UE, Commissione Europea, Eurogruppo, Euclid Tsakalotos, Jean-Claude Juncker, Alexis Tsipras, Europa, Grecia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik