11:49 22 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
290
Seguici su

In luglio le forniture di gas in reverse flow, dall’Europa all’Ucraina, sono calate del 56% ed il riempimento dei depositi sotterranei del 47% rispetto al mese di giugno.

Lo ha comunicato il capo di Gazprom Alexey Miller, facendo ricordare che dal 1 luglio l'Ucraina ha cessato le importazioni del gas russo.

Secondo Miller, la quantità di gas che l'Ucraina riceve in reverse flow è bruscamente diminuita: se in giugno il paese riceveva dall'Europa fino a 30,9 milioni di metri cubi al giorno, nel mese di luglio la quantità non supera 13,7 milioni di metri cubi (-56%). All'inizio di luglio è diminuita anche la quantità media giornaliera di gas immesso nei depositi sotterranei.

Dal 1 luglio l'Ucraina ha cessato le importazioni dalla Russia, siccome le parti non sono riuscite a concordare l'allegato al contratto per il terzo trimestre dell'anno in corso. In particolare, Kiev ha contestato il prezzo offerto dalla Russia: 247,18 dollari (conteggiando lo sconto di 40 dollari). Di conseguenza, in questo momento l'Ucraina riceve soltanto il gas che arriva dall'Europa in reverse flow.

Un'altra questione che rimane in sospeso, e che non si è riuscito a risolvere all'incontro trilaterale, svolto a Vienna il 30 giugno tra Ucraina, Russia e Commissione europea, riguarda gli aiuti della Commissione all'Ucraina per l'acquisto di gas e il riempimento dei depositi in vista del periodo freddo.

Correlati:

L'Ucraina vuole avere un prestito dal FMI per acquistare il gas per l'inverno
Gazprom dice no a forniture gas in Ucraina a qualsiasi prezzo senza pagamento anticipato
Gas: Ucraina vuole dalla Russia sconto più grande
Tags:
Forniture metano, Gazprom, Alexey Miller
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook