03:34 25 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
130
Seguici su

Domani il Parlamento europeo terrà una sessione plenaria per discutere il futuro della Grecia.

Ieri in Grecia è stato svolto un referendum, nel corso del quale più del 61% dei votanti si è pronunciato contro le proposte dei creditori europei ("prestiti in cambio di austerità"). Il 39%, invece, ha dato la sua adesione al piano. La decisione del primo ministro greco Alexis Tsipras di sottoporre il piano dei creditori al voto referendario era stata contestata dai leader dell'Unione Eropea,  che dichiaravano che le proposte erano comunque non valide, in quanto il programma dei prestiti alla Grecia era scaduto una settimana prima.

A detta di esperti, dopo il referendum è fortemente cresciuto il rischio di uscita di Atene dall'eurozona.

Un comunicato del gruppo parlamentare ECR informa che "dopo il referendum greco, gli eurodeputati discuteranno le vie di sviluppo per il paese".

Il dibattito è stato fissato per martedì. Sarà l'ultima sessione plenaria del Parlamento europeo prima delle vacanze estive.

Sempre domani il tema della Grecia verrà discusso anche nell'ambito dell'Eurogruppo e al vertice dei capi di stato dell'unione monetaria.

Già prima della convocazione del vertice dell'eurozona, il presidente della Commissione europea aveva annunciato che sarebbe intervenuto alla sessione di martedì del Parlamento europeo.

Correlati:

The Telegraph: UE teme un “armageddon” in Grecia
Ministro Finanze della Grecia Varoufakis paragona azioni dei creditori al terrorismo
Tags:
Referendum in Grecia, Parlamento Europeo, Unione Europea
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook