11:31 19 Agosto 2018
FMI

Il FMI ha nuovamente esortato l'Ucraina e i suoi creditori a raggiungere un accordo

© AP Photo / Jose Luis Magana
Mondo
URL abbreviato
0 37

Nel corso dell'incontro tra i rappresentanti dell'Ucraina e i creditori privati sono stati discussi i "compiti sulla gestione del debito e il quadro macroeconomico a medio termine nell'ambito del programma supportato dal FMI", hanno spiegato al Fondo Monetario Internazionale.

Il Fondo Monetario Internazionale ha ancora una volta invitato l'Ucraina e il gruppo dei suoi creditori privati a raggiungere un accordo sulla risoluzione dei problemi del debito, ha riferito l'ufficio stampa del FMI dopo la riunione svoltasi a Washington nella giornata di ieri tra i rappresentanti dell'Ucraina e il comitato dei creditori con la mediazione del Fondo Monetario Internazionale.

"Il Fondo invita l'Ucraina e i suoi creditori a proseguire gli sforzi per raggiungere un'intesa coerente con gli obiettivi finanziari e di debito e le riforme economiche delle autorità (in Ucraina), supportati dal Fondo Monetario Internazionale," — si afferma nel comunicato stampa.

Nell'ambito del piano di rientro dall'esposizione finanziaria, l'Ucraina ha chiesto ai creditori di cancellare il 40% del debito e di sottoscrivere obbligazioni legate alle future performance economiche del Paese.

Il comitato dei creditori dell'Ucraina ha comunicato di insistere sulla modifica delle condizioni dell'accordo tra il governo ucraino e il FMI sulla ristrutturazione del debito di 15,3 miliardi di dollari, tenendo conto delle loro richieste. Secondo i creditori, le loro proposte promettono di assicurare all'Ucraina maggiori investimenti in futuro e consentono un rientro anticipato nel mercato dei capitali.

Correlati:

Gas: Ucraina vuole dalla Russia sconto più grande
Scandalo OSCE-Finlandia-UE: “la Russia non è l'Ucraina, non pregherà l'Occidente”
Creditori Ucraina vogliono cambiare criteri ristrutturazione debito sovrano Kiev
Tags:
Debito dell'Ucraina, Fondo Monetario Internazionale, FMI
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik