03:23 13 Dicembre 2018
Jihadisti dell'ISIS portano gli ostaggi ad esecuzione

ISIS decapita 2 donne in Siria

© REUTERS / Social media via Reuters TV
Mondo
URL abbreviato
0 0 0

Erano accusate di “stregoneria”.

Attivisti dell'Osservatorio nazionale dei diritti umani in Siria hanno reso noto in queste ore di una macabra esecuzione di due donne, uccise insieme ai loro mariti, in due diverse città della Siria settentrionale, nella città di Deir Ezzor e di al-Mayadin, tra sabato e domenica scorsa.

Tremenda l'accusa: le coppie sono state infatti decapitate perché indicate come persone che "compiono stregonerie e magia ad uso medico".

"Lo Stato Islamico ha giustiziato due donne decapitandole nella provincia di Deir Ezzor ed è la prima volta che l'Osservatorio ha documentato donne che vengono uccise dal gruppo in questo modo".

Questo il comunicato con cui l'organizzazione siriana con sede a Londra ha diffuso la notizia. Secondo l'Ondus è la rima volta che delle donne vengono decapitate dall'ISIS che, nel corso dell'ultimo anno, ha giustiziato più di 3.000 persone, tra cui 1.800 civili.

Correlati:

Kuwait, attentato ISIS contro moschea sciita: 15 vittime
ISIS, Iran, accordi di Minsk e crisi ucraina discussi in telefonata tra Putin e Obama
Orrore ISIS, nuove esecuzioni in video
Siria, Palmira minata dall'ISIS
Tags:
Terrorismo, jihadista, Esecuzione, Stato Islamico, ISIL, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik