01:58 24 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 151
Seguici su

Delle prospettive di dialogo tra la Russia e i suoi partner europei e delle condizioni per la revoca delle sanzioni ha parlato al giornale "Kommersant" il rappresentante permanente della Russia presso la UE Vladimir Chizhov.

Il rappresentante permanente della Russia presso la UE Vladimir Chizhov ritiene che la campagna antirussa dell'Occidente nell'ultimo periodo "sta superando i limiti" ed alcuni attori internazionali beneficiano della raffigurazione della Russia come nemico.

"Probabilmente ci sono forze che beneficiano della raffigurazione del nemico dopo che in passato soffrivano della mancanza di questa immagine della Russia," — ha detto Chizhov.

Bandiere di Germania, Russia e UE
© Sputnik . Sergey Guneev
Bandiere di Germania, Russia e UE

Il diplomatico ha aggiunto che Mosca non rinuncia ai contatti con l'Unione Europea e  congelare la cooperazione in corso è una decisione sbagliata.

"Il dialogo con l'Unione Europea va avanti. Essenzialmente è informale, tuttavia continuiamo a parlare degli argomenti che interessano a noi e ai nostri partner. Non abbiamo mai rinunciato al dialogo; non appena l'Unione Europea si renderà conto che ha sbagliato a congelare la cooperazione, sa dove trovarci," — ha aggiunto Chizhov.

Hanno ripetutamente spinto la Russia a parlare di cosa debba fare Mosca per la revoca delle sanzioni.

"Non discutiamo i criteri per la revoca delle sanzioni, anche se, devo ammetterlo, siamo stati incoraggiati diverse volte a discutere di ciò che la Russia debba fare affinchè le sanzioni vengano alleggerite o revocate. Non prendiamo parte a questi giochi. Per noi questo non è oggetto di dialogo né con l'Unione Europea nè con chiunque altro," — ha detto il rappresentante permanente della Russia presso la UE.

Il diplomatico ha ricordato che la problematica delle sanzioni non è stata creata dalla Russia, ma ha espresso la speranza che "l'Unione Europea maturi gradualmente prima di cancellarle."

"Non dobbiamo dimenticare che tutte le decisioni in materia di sanzioni sono state adottate all'unanimità. Ma se non prorogano le sanzioni in tempo, si dissolvono automaticamente come la nebbia del mattino," — ha aggiunto Chizhov.

Per quanto riguarda la "blacklist" di Mosca, il rappresentante permanente russo presso la UE ha detto che i Paesi dell'Unione Europea hanno una loro "blacklist" segreta di cittadini russi a cui viene vietato l'ingresso in Europa, mentre Mosca ha svelato la sua lista.

"Ora parliamo della lista di risposta, che è stata compilata in risposta all'introduzione delle misure restrittive della UE a seguito degli eventi in Ucraina. La lista, che non eravamo obbligati a renderla pubblica, dopo ripetute richieste l'abbiamo completamente svelata ai rappresentanti della UE," —  ha detto Chizhov.

"Allo stesso tempo l'Unione Europea ha una lista segretata. Mi sono noti una decina di casi negli ultimi mesi, quando dei cittadini russi sono stati respinti in dogana nonostante avessero i visti e tutti i documenti necessari… pertanto riteniamo infondati i tentativi di accusare la Russia di misure draconiane," — ha osservato il diplomatico.

La blacklist degli europei, a cui viene negato l'ingresso nella Federazione Russa, verrà annullata subito dopo la revoca delle sanzioni dell'Unione Europea contro i cittadini russi, ha dichiarato Vladimir Chizhov.

 

Correlati:

Ministri Esteri Germania, Francia Russia e Ucraina discuteranno a Parigi accordi di Minsk
ISIS, Iran, accordi di Minsk e crisi ucraina discussi in telefonata tra Putin e Obama
Tags:
Accordi di Minsk, Intervista, Vladimir Chizhov, UE, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook