Widgets Magazine
12:00 16 Luglio 2019
I tassisti francesi protestano contro UberPOP

UberPop, la rivolta dei tassisti francesi

© AFP 2019 / Ane Christine-Poujoulat
Mondo
URL abbreviato
0 41

Paese in tilt da ieri per lo sciopero generale a oltranza dei tassisti francesi, che protestano contro il servizio USA, accusato di uccidere la categoria. Bloccate le stazioni e gli aeroporti, violenze e devastazioni nelle principali città della Francia.

Il presidente francese Francois Hollande interviene da Bruxelles per condannare le violenze in corso in Francia da ieri per la protesta dei tassisti contro il servizio UberPop. Presi di mira soprattutto stazioni ferroviarie e aeroporti, messi in ginocchio dallo sciopero a oltranza della categoria, che ha dato vita in molte città a vere e proprie violenze contro autisti Uber e auto del servizio nato in USA che sta incontrando eccezionali resistenze in Europa.

Dell'applicazione che consente a chiunque di diventare "tassista" con la propria auto i manifestanti contestano la "concorrenza selvaggia", chiedendone l'immediata disattivazione. Quasi 3.000 operatori del settore stanno paralizzando Parigi da ieri, ma le manifestazioni, in alcuni casi violente, stanno dilagando ormai in tutte le principali città del Paese.

Il primo ministro Bernard Cazeneuve ha chiesto in queste ore al prefetto di Parigi di emanare un'ordinanza che ne vieti l'attività, sottolineando però alla radio francese RTL come sia necessario fermare le contestazioni violente.

Il servizio UberPop è vietato in Francia da gennaio scorso, ma il servizio in realtà non ha mai smesso di funzionare.

Correlati:

Putin: USA e Francia cercheranno di placare lo scandalo
Tags:
François Hollande, Tassisti, Proteste, UberPop, Bernard Cazeneuve, Francia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik