01:33 17 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 7°C
    Margot Wallström

    Come la ministro degli Esteri svedese è stata convertita all’islam

    © AP Photo/ TT News Agency/Henrik Montgomery
    Mondo
    URL abbreviato
    0 121

    Questo fine settimana la ministro degli Esteri svedese Margot Wallström su Twitter ha scritto un messaggio d'auguri per l'inizio del Ramadan. A molti cittadini svedesi tale cordialità non è piaciuta affatto.

    A suo tempo la ministro ha trascurato la Pasqua cristiana, e ha scritto solo poche parole per la festa tradizionale svedese della Metà d'estate (Midsommar), e l'ha fatto solo in inglese  ("Happy Midsummer!").

    Questo post ha suscitato un'ondata di critiche: una parte dei lettori hanno sospettato, a metà per scherzo a metà sul serio, che il suo account sia stato violato, altri hanno supposto con indignazione che lei sia convertita all'islam, qualcuno alla sincera le ha proposto di andare a vivere nel Medio Oriente.

    Come mai è successo che la ministro svedese presta tanta attenzione a una festa musulmana e non ritiene necessario fare gli auguri ai cristiani svedesi per la Pasqua? La Svezia non è un Paese musulmano. Almeno non lo era fino a poco tempo fa. È mai possibile che la lotta contro le discriminazioni sia andata tanto avanti e che sia già ora di lottare per i diritti della ex-maggioranza?

    L'evento ha interessato molto il giornale svedese FriaTider che ha cercato di ottenere un commento da Pezhman Fivrin, il portavoce di Margot Wallström, il quale era "troppo impegnato" e poi non rispondeva più alle telefonate e alle lettere.

    È probabile che gli svedesi indigeni fra poco dovranno lottare per i propri diritti nel proprio Paese. E il Ramadan sarà la festa principale.

    Tags:
    Festa, Ramadan, Twitter, Margot Wallström, Svezia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik