02:22 01 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 03
Seguici su

Un migrante è morto e un altro è rimasto gravemente ferito nel corso di una sparatoria avvenuta al largo della Libia. Le due vittime erano a bordo di un natante che si stava dirigendo verso la Sicilia, con a bordo decine di profughi.

A sparare contro un gommone carico di migranti sarebbe stato — secondo il racconto dei migranti — il personale di una motovedetta libica. Il ferito è stato trasferito in elicottero a Lampedusa.

La ricostruzione è al vaglio della procura di Agrigento che ha ascoltato alcuni testimoni. I reati ipotizzati, contro ignoti per ora, sono tentativo di omicidio e omicidio. La polizia italiana, coordinata dal pm di Agrigento, Renato Di Natale, sta procedendo nelle indagini.

Intanto, in Europa c'è l'accordo sugli sbarchi che avvengono in Italia e Grecia per la ricollocazione di 40mila rifugiati "in chiara necessità di protezione internazionale" verso altri Paesi dell'Unione Europea. Nel tentativo di "rafforzare la solidarietà e la responsabilità" europea, la bozza messa a punto stamane dagli 'sherpa' in vista del summit europeo di giovedì e venerdì prossimo, prevede anche la creazione di centri di identificazione "strutturati" nei Paesi in prima linea, un'assistenza finanziaria rafforzata per i Paesi punto d'approdo, Italia in testa.

Il premier Matteo Renzi, sul tema dell'immigrazione, ha oggi ricordato che "L'Europa deve ricordare il senso della sua missione, non può essere solo vincoli e spread. Serve una scommessa ampia che vada oltre la risposta alla paura".

Correlati:

La Francia allenta i respingimenti dei migranti
Cameron. No ai migranti. Si all’aiuto fra intelligence
Ungheria. Un muro per fermare i migranti
Francia, dei migranti se ne occupi l’Italia
Tags:
Unione Europea, trafficanti, Migranti, rifugiati, Matteo Renzi, Grecia, Italia, Sicilia, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook