06:28 06 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 02
Seguici su

Sembra naufragare l'ambizioso piano della Commissione UE annunciato all'indomani dell'ultima tragedia nel Mediterraneo. Dodici Paesi su ventotto rifiutano l'obbligatorietà prevista dalle quote di redistribuzione. Italia e Grecia lasciate sole.

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, in cui si era parlato di rimandare il piano a dopo l'estate, si fa sempre più forte la sensazione che salterà tutto. Il piano voluto dalla Commissione UE per la distribuzione di 40mila richiedenti asilo tra i paesi membri su base obbligatoria potrebbe non vedere la luce, certamente non prima dell'estate e molto presumibilmente in una forma diversa da come ideato originariamente dalla Commissione. Troppo forti le pressioni di quei Paesi che si sono detti contrari criterio di ripartizione automatica. Tra loro se ne contano ormai una dozzina e sette tra loro hanno già mostrato ripetutamente insofferenza verso quella che è stata definita

"eccessiva attenzione al Mediterraneo".

Sono i paesi della fascia baltica e dell'area centro-orientale, guidati dalla Polonia del presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk.

Il Consiglio degli Interni di martedì prossimo, a questo punto, da possibile giorno della verità si trasformerà a questo punto in una ulteriore tappa di avvicinamento a quella che comunque appare una soluzione in qualche modo obbligata, con la data del 25 giugno come importante passaggio proprio in Consiglio Europeo. Le piazze e le stazioni di diverse città italiane e greche nel frattempo si stanno in queste ore riempiendo di veri e propri ospedali da campo a cielo aperto, con i centri di accoglienza al collasso e le polemiche tra palazzo Chigi e regioni sui piani di distribuzione all'interno del territorio nazionale.

Correlati:

Migranti, Avramopoulos: “L'Italia non è sola”
Migranti, Francia e Germania ancora contro agenda UE
La Finlandia chiede la sterilizzazione dei migranti dall'Africa
Renzi: “Soldi ai comuni che accolgono i migranti”
Tags:
Unione Europea, quote, Europa, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook