01:02 11 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 1°C
    Bandiera ISIS

    La rivista dell'ISIS era in vendita su Amazon

    © Sputnik. Andrey Stenin
    Mondo
    URL abbreviato
    0 03

    Dal 26 maggio al 5 giugno nei negozi Amazon di diversi paesi è stato possibile acquistare una copia di Dabiq, il giornale di propaganda dello Stato Islamico.

    Dabiq, la rivista di propaganda dell'ISIS
    © Foto: islamic-state.weebly.com
    Dabiq, la rivista di propaganda dell'ISIS
    Secondo quanto riportato dalla BBC, per diversi giorni è stato possibile acquistare una copia di Dabiq, la rivista di propaganda dell'ISIS, nei principali canali di vendita ufficiale online. La catena Amazon in particolare, avrebbe dal 26 maggio al 5 giugno ospitato un utente che proponeva la vendita della rivista, edita solo in PDF, con cui dal 2014 il califfato cerca di fare proseliti sul web. Il nome della rivista è un richiamo simbolico alla città di Dabiq, considerata dai teorici del califfato la sede della battaglia finale dei "musulmani contro i nemici" preconizzata negli scritti del Profeta.              

    Le prime 9 copie della rivista, offerte dall'utente Al Hayat Media (stesso nome di una delle case di produzione video dell'ISIS) potevano essere acquistate per poco più di 20 euro. Una volta ricevuta la segnalazione, Amazon ha provveduto alla rimozione dell'offerta ed al blocco dell'utente.

    Nella descrizione dell'oggetto sul portale di acquisti di Jeff Bezos, secondo quanto riportato da International Business Times, era possibile leggere come Dabiq fosse una "rivista che con foto e articoli tratta temi che riguardano: tawhid (l'unità), manhaj (la ricerca della verità), hijrah (la migrazione), jihad (la guerra santa) e jama'ah (la comunità)". 

    Correlati:

    USA hanno ottenuto dati su strutture di gestione e finanziamento ISIS
    Base ISIS rasa al suolo per un selfie
    ISIS minaccia i Balcani
    Israele si esercita in attacchi radioattivi contro l’Isis
    Tags:
    Dabiq, Al Hayat, ISIL
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik