04:27 16 Dicembre 2017
Roma+ 9°C
Mosca+ 2°C
    Bandiera polacca

    Polonia, dimissioni di 3 ministri e del presidente del parlamento

    © Foto: roovuu
    Mondo
    URL abbreviato
    0 10

    Dopo la diffusione di documenti della procura sullo scandalo delle intercettazioni illegali di un anno fa.

    Terremoto politico in Polonia, dove ieri sono state annunciate le dimissioni di tre ministri del governo guidato dalla premier Ewa Kopacz. Ed è stata la stessa Kopacz a darne notizia.

    "Negli ultimi giorni l'opinione pubblica è stata coinvolta nel caso delle intercettazioni telefoniche illegali. Tutto questo ha avuto una ripercussione negativa sull'esecutivo. Un'indagine durata oltre un anno che ha prodotto un gran numero di pagine e pagine di parole".

    Questa una parte del messaggio con cui il capo dell'esecutivo polacco ha riferito che Radoslaw Sikorski, presidente del parlamento di Varsavia, il ministro della Sanità, Bartosz Arlukowicz, quello dello sport, Andrzej Biernat ed il responsabile del Tesoro, Wlodzimierz Karpinski. Oltre ai 4 politici, tutti provenienti dal partito Piattaforma Civica dell'ex presidente Komorowski, dimissioni anche per alcuni sottosegretari e Jacer Rostowski, ex ministro delle Finanze ed attualmente nella cancelleria del premier Kopacz.

    A dare impulso alle dimissioni di ieri è stata la diffusione su Internet di oltre 2.500 pagine di documenti riguardanti l'affaire intercettazioni illegali che già un anno fa aveva creato più di un imbarazzo a Varsavia. Quella che è stata ridefinita la wikileaks polacca, è una vicenda di intercettazioni ambientali illegali che vede coinvolti i politici che ieri hanno annunciato le dimissioni. Nel corso di una serie di conversazioni carpite illegalmente in alcuni noti ristoranti della capitale polacca, i protagonisti dello scandalo si lasciavano andare a giudizi pesantissimi e commenti definiti imbarazzanti, tra le altre cose, sui rapporti di Varsavia con Washington, sull'indipendenza della Banca centrale e sull'operato politico del primo ministro inglese Cameron. 

    Correlati:

    WikiLeaks: USA, UE e WTO tramano in segreto "contro BRICS"
    Wikileaks offre 100mila dollari a chi rivelerà il TTP
    Tags:
    dimissioni, Banca Centrale Europea, Bronislaw Komorowski, David Cameron, Polonia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik