04:00 18 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 1°C
    Incendio impianto stoccaggio e raffinazione petrolio, regione di Kiev - Ucraina

    Autorità Ucraina escludono attentato in deposito petrolio esploso vicino Kiev

    © Sputnik. Alexei Vovk
    Mondo
    URL abbreviato
    0 21

    Le autorità ucraine non hanno confermato la ricostruzione dell'attentato nel deposito petrolifero nella regione di Kiev. Come riportato nella sua pagina Facebook il portavoce del presidente dell'Ucraina Svyatoslav Tsegolko, nelle prossime ore gli invstigatori devono riferire i risultati delle indagini sulle cause del disastro.

    Ieri nella regione di Kiev è scoppiato un incendio in un deposito di petrolio. Secondo il ministero degli Interni dell'Ucraina, l'incendio è avvenuto per problemi tecnici durante i processi di raffinazione. Nel rogo ha perso la vita almeno 1 persona, mentre altre 14 sono rimaste ferite.

    In precedenza il segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale e di Difesa dell'Ucraina Alexandr Turchynov aveva segnalato l'avvio dell'evacuazione delle armi da un deposito militare, situato nelle vicinanze dove è scoppiato l'incendio nella struttura petrolifera.

    In precedenza avevano ipotizzato la versione dell'incendio doloso nel deposito di petrolio della regione di Kiev all'interno della società "BRSM-Nafta", proprietaria del centro di stoccaggio e raffinazione. L'azienda inoltre non aveva escluso che l'incendio si fosse propagato a seguito di un attentato terroristico. La società ha sottolineato che il 22 aprile 2014 i complessi di pompaggio "erano stati manipolati e il sistema era stato attaccato da ignoti."

     

     

    Tags:
    Petrolio, Incendio, Incidente, Esplosione, Alexander Turchynov, Kiev
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik