09:03 17 Dicembre 2017
Roma+ 3°C
Mosca+ 8°C
    Donbass, milizia separatista

    Nuovi legionari ceco-slovacchi nel Donbass con i filorussi?

    © Sputnik. Andrei Stenin
    Mondo
    URL abbreviato
    0 162

    Dal portale slovacco “Aktuality.sk” si è diffusa la notizia nei media cechi e slovacchi che nel Donbass si sta formando una brigata internazionale di cechi e slovacchi per partecipare ai combattimenti in Ucraina orientale dalla parte delle milizie autonomiste e filorusse.

    Il ministero degli Esteri della Slovacchia ha esternato le sue preoccupazioni in merito a questa notizia. Il portavoce Peter Susko ha dichiarato che a suo parere questi volontari destabilizzano la situazione e ostacolano la ricerca di una soluzione diplomatica al conflitto, danneggiando contemporaneamente gli interessi della Slovacchia in politica estera.

    Da parte di Praga manca una reazione ufficiale alla possibile partecipazione di cittadini cechi nei combattimenti nel Donbass dalla parte delle milizie. Alla domanda precisa di "Sputnik" riguardo questo fatto, il portavoce del ministero degli Esteri della Repubblica Ceca David Frous aveva invitato a guardare il sito del dicastero della diplomazia ceca, dove tuttavia non abbiamo ancora trovati commenti in proposito, così come nei media nazionali: non ci sono conferme da parte del ministero degli Esteri della Repubblica Ceca sulla partecipazione di propri connazionali nei combattimenti dalla parte delle Repubbliche di Donetsk e Lugansk.

    Tuttavia i "nuovi legionari cecoslovacchi" nel Donbass già esistono. Una guarnigione ceco-slovacca opera nella cosiddetta 15° Brigata Internazionale delle forze armate dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk, riferisce "Aktuality.sk".

    Uno dei combattenti slovacchi in servizio nell'unità, in condizione di anonimato, ha raccontato ad "Aktuality.sk" che fianco a fianco con i filorussi combattono 4 slovacchi e 4 cechi. Alla domanda sulla presenza di truppe russe nel Donbass, il volontario slovacco ha osservato:

    "La Russia non ci aiuta né moralmente nè politicamente. Invia aiuti umanitari, più di quanto sia necessario. Qui non è necessario l'esercito russo. Ci sono molti volontari incredibili. I tank che abbiamo sono un trofeo, così come i blindati".

    Il legionario ha raccontato come avviene la selezione per l'unità. La brigata conduce la selezione sulla sua pagina Facebook, dove elenca le condizioni per essere presi, come ad esempio: la conoscenza del russo, buone condizioni fisiche, età fino a 40 anni. Secondo lui, a febbraio, marzo ed aprile hanno combattuto a Debaltsevo, mentre a maggio sono stati schierati vicino Marinka. I cechi e gli slovacchi ricevono uno stipendio di circa 8.000 grivnie (340 euro).

    Perché i cechi e gli slovacchi sono andati in guerra nel sud-est dell'Ucraina? Forse qualcuno ha radici russe e si sente in qualche modo coinvolto. Qualcuno è per natura un avventuriero in cerca di brividi. Per una ragione o per un'altra l'aver preso parte ai combattimenti nell'esercito di un Paese straniero ai cittadini cechi può costare in patria fino a 5 anni di reclusione. Ma a quanto pare anche questa minaccia non li scoraggia.

     

     

     

     

    Tags:
    Difesa, Società, Ministero degli Esteri, Slovacchia, Repubblica popolare di Donetsk, Repubblica Ceca, Donbass
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik