14:12 24 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 15°C
    FIFA

    Corruzione FIFA, ombre su assegnazione dei Mondiali 2006 a Germania

    © Sputnik. Alexander Wilf
    Mondo
    URL abbreviato
    0 30480

    Poco prima del voto finale, che aveva permesso alla Germania di avere la meglio sulla concorrenza, società e politici tedeschi avevano iniziato ad intraprendere misure concrete nei Paesi in cui vivevano i membri del comitato esecutivo della FIFA, scrive “Zeit Online”.

    La Germania ha ottenuto il diritto di ospitare la Coppa del Mondo 2006 in una competizione sleale, ipotizza "Zeit Online".

    La Germania ha vinto il diritto ad ospitare la fase finale dei Mondiali il 6 luglio 2000, prevalendo su Brasile, Marocco, Inghilterra e Sudafrica in finale, grazie ad un margine di 1 solo voto.

    Il giornale online si riferisce ai dati che dimostrano che, poco prima della votazione, imprese e politici tedeschi avevano iniziato ad intraprendere misure attive nei Paesi in cui vivevano i membri del comitato esecutivo della FIFA.

    In particolare una delle case automobilistiche tedesche aveva investito centinaia di milioni di euro in una compagnia sudcoreana, il cui figlio del fondatore era presente nel comitato, e diverse altre imprese tedesche di fama mondiale avevano promesso investimenti considerevoli in Thailandia e Corea del Sud. Inoltre, si segnala che il governo di Gerhard Schröder aveva deciso di fornire lanciagranate anticarro in Arabia Saudita nella settimana precedente all'assegnazione del Paese ospitante i Mondiali.

    Contemporaneamente il giornale osserva che l'elezione della Germania da un punto di vista giuridico poteva essere legale.

    In precedenza il presidente della Federazione Calcio della Repubblica Democratica del Congo Constant Omari aveva detto che i rappresentanti della Federcalcio tedesca avevano a suo tempo ottenuto illegalmente il diritto ad organizzare i Mondiali

    "dopo essersi comprati i voti dell'Oceania".

     

     

    Tags:
    Calcio, Sport, Finanze, corruzione, investimenti, Scandalo, Mondiali di calcio 2006, FIFA, Gerhard Schröder, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik