04:42 25 Novembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca-5°C
    Manifestazione europeista a Kiev

    Autorità UE registrano aumento richieste asilo da Ucraina

    © Sputnik. Andrey Stenin
    Mondo
    URL abbreviato
    0 32032

    L'agenzia europea per le questioni sullo status di rifugiato ai migranti (EASO) ha segnalato un brusco aumento di cittadini ucraini desiderosi di lasciare il Paese e chiedere asilo nell'Unione Europea.

    "L'anno scorso il numero totale di domande d'asilo nell'Unione Europea ammontava complessivamente a 660mila. Tra queste, 220mila erano state presentate nei Paesi del Mediterraneo, mentre 440mila in altri luoghi,"

    — il portale "Euractiv" cita le parole del direttore esecutivo di EASO Robert Visser.

    Secondo lui, tra le domande provenienti dall'Europa orientale, il più grande gruppo era ucraino. Il Paese è entrato tra i primi sei che registrano il maggior numero di rischieste di asilo nella UE. Oltre all'Ucraina, l'elenco comprende la Siria, l'Eritrea, l'Iraq, la Somalia e il Niger.

    Secondo Visser,

    "prima della guerra civile, l'Ucraina era un Paese i cui cittadini non manifestavano il bisogno di asilo".

    Il numero di quelli che vogliono lasciare il Paese è stata registrato a marzo 2014.

    Visser ha aggiunto che nella maggior parte dei casi gli ucraini sono consapevoli della legislazione europea di migrazione e compilano i documenti secondo le regole. Inoltre gli ucraini di solito chiedono asilo in tutti gli Stati dell'Europa.

    Il "New York Times" scrive che nel 2013 gli ucraini che avevano cercato asilo nella UE ammontava a 1060. Nel 2014, dopo lo scoppio del conflitto nella parte orientale del Paese, questa cifra è aumentata di 14 volte fino a 14.040.

    Tuttavia la maggior parte delle richieste viene bocciata. Nel 2014 su 2.985 richieste di asilo da parte di cittadini ucraini considerate dalla UE, solo 150 persone avevano ottenuto lo status di rifugiato. In media, una decisione positiva per i cittadini ucraini è stata presa solo nel 22% dei casi, mentre lo stesso indicatore per i cittadini della Siria è del 95%.

    Tuttavia "Euractiv" osserva che dal momento che il conflitto sembra proseguire il numero di richieste di asilo di cittadini ucraini è destinato a crescere.

    Il "New York Times" riferisce che nel corso dell'ultimo anno in Repubblica Ceca ed Estonia gli ucraini hanno preso il primo posto (tra i cittadini di altri Paesi) nel numero di richieste di asilo, mentre in Polonia, Spagna, Lettonia, Islanda e Cipro gli ucraini occupano il secondo posto. Contemporaneamente la maggioranza dei cittadini ucraini che lascia il territorio del Paese preferisce non richiedere asilo, ma ottenere visti di studio, di lavoro o di altro tipoper poi ottenere il permesso di soggiorno. Così ora in Polonia, dove la legislazione in materia di migrazione è considerata una delle più liberali, si trovano circa 400mila cittadini ucraini.

    Secondo i sondaggi, oltre il 20% degli ucraini vorrebbe emigrare. Il maggior numero di coloro che desiderano andarsene vive nelle regioni occidentali (23,1%), il minore risiede nelle regioni settentrionali (15,8%) e di Kiev (16,2%). Gli ucraini che se ne vanno per vivere all'estero, vendono i loro passaporti, codici fiscali e persino i certificati di nascita. Gran parte di questi documenti si trova in annunci pubblicati su internet.

     

     

     

     

    Tags:
    Società, Asilo politico, Immigrazione, Unione Europea, EASO, Robert Visser
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik