09:16 24 Aprile 2017
    Skopie, Macedonia

    Tensione e destabilizzazione in Macedonia, 22 morti

    © flickr.com/ keepwaddling1
    Mondo
    URL abbreviato
    0 146059

    Dietro le formazioni armate, gruppi che preannunciano una "guerra" per la creazione della "Repubblica d’Iliria”.

    E' di almeno 22 morti, tra cui otto poliziotti macedoni e 14 componenti di un gruppo armato di probabile origine albanese, guidato da 5 cittadini kosovari,e di 37 feriti, il bilancio degli scontri che si sono svolti a Kumanovo, cittadina, a maggioranza musulmana, situata nel nord della Macedonia, alla frontiera con Serbia e Kosovo, nel fine settimana appena trascorso. Ad oggi non sono confermate le voci che circolavano ieri sulla presenza di vittime civili. Le forze dell'ordine hanno rinvenuto un consistente arsenale negli stessi luoghi in cui sono avvenuti gli scontri a fuoco.

    Il governo macedone ha proclamato due giorni di lutto nazionale per gli agenti uccisi mentre il presidente Gjorge Ivanov ha convocato un consiglio di sicurezza nazionale e invitato i capi dell'opposizione e il principale partito di etnia albanese a unirsi alle autorità contro la sfida terrorista. Al termine del consiglio, Ivanov ha dichiarato che "le forze di sicurezza macedoni hanno sventato una serie di attacchi terroristici coordinati in diverse località del paese che miravano a causare destabilizzazione, caos e paura". Per il primo ministro Nikola Gruevski si tratta di uno dei "gruppi terroristi più pericolosi nei Balcani".

    Gli incidenti sembrebbero inserirsi in un contesto più ampio di tensioni politiche che stanno interessando la Macedonia ormai da giorni. Da martedì scorso nel paese, e soprattutto a Skopje, sono in corso manifestazioni contro il governo guidato da Nikola Gruevski, leader del partito nazionalista VMRO, al centro di fortissime polemiche e accusato dall'opposizione di corruzione.

    Inoltre, tre settimane fa si è svolta un'incursione di un gruppo armato di albanesi arrivati dal Kosovo, che hanno preso rapidamente il controllo di un commissariato alla frontiera nord macedone, nella località di Gošince, reclamando la creazione di uno stato albanese sul territorio della Macedonia. L'attacco, secondo quanto riporta East Journal online, era stato attribuito dalle autorità a "paramilitari kosovari appartenenti all'Uçk", formazione militare albanese-macedone imparentata con il più noto Uçk kosovaro.

    Macedonia
    © AP Photo/ Vangel Tanurovski
    In un documento diffuso dai media, nella capitale macedone, gruppi estremisti dell'indipendentismo albanese, fra le quali l'Uck (Esercito di liberazione del Kosovo), che combatté contro le forze serbe alla fine degli anni Novanta, affermano che ha preso il via il processo di instaurazione della "Repubblica di Iliria". Quello di Kumanovo, dove il 9 giugno 1999 veniva siglato l'accordo che concludeva la guerra del Kosovo, sarebbe solo l'inizio, e una vera propria "guerra" alla Macedonia comincerà il 12 maggio prossimo. "Se le autorità macedoni non accetteranno la nuova Repubblica, il paese sarà distrutto insieme al resto dei Balcani", si legge nel documento.

    L'Unione europea ha già espresso la propria preoccupazione per una crescente instabilità politica nella ex repubblica di Yugoslavia, abitata da circa due milioni di persone, di cui il 25% è di etnia albanese.

    Correlati:

    Che succede in Macedonia?
    Tags:
    Gjorge Ivanov, Macedonia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik