15:57 28 Aprile 2017
    Biker russo fa vedere il suo passaporto con visto Schengen annullato

    I “Lupi Notturni” stanno preparando un ricorso contro il governo della Germania

    © AFP 2017/ Sergei Gapon
    Mondo
    URL abbreviato
    0 897131

    Il leader dei “Lupi Notturni” Alexandr Zaldostanov ha informato che i biker stanno preparando un ricorso contro la decisione delle autorità della Germania sull’annullamento dei visti dei motocislisti russi.

    "Prossimamente presenteremo un ricorso in Germania contro il divieto di ingresso, l'annullamento dei visti e la deportazione dei nostri biker. In questo momento stiamo preparando i documenti. Sarà un ricorso congiunto che presenteremo insieme ai nostri amici europei che ci hanno già aiutato a trovare un avvocato in Germania", — ha detto Zaldostanov.

    Il leader dei biker ha tuttavia riconosciuto che le autorità tedesche hanno preso una decisione politica, pertanto sarà difficile impugnarla. Nonostante la polemica politica, come mostra questo video, nei paesi finora toccati i motociclisti russi hanno avuto un'accoglienza calorosa dalla popolazione locale.

    Alla fine di aprile la Germania ha annullato i visti di alcuni biker del club "Lupi Notturni", vietando loro l'ingresso nel paese. La parte tedesca ha spiegato che tale decisione è stata presa, perché "non erano corretti" i dati indicati nella richiesta di ottenimento del visto. Sempre alla fine di aprile i Ministeri degli Esteri e degli Interni della Germania hanno pubblicato un comunicato congiunto nel quale hanno rilevato che la marcia dei "Lupi Notturni" "rappresenta un potenziale pericolo alla sicurezza pubblica della Germania". Successivamente, nei primi di maggio, uno dei biker è stato fermato in Germania e espulso dal paese.

    Correlati:

    Biker polacchi e "lupi notturni" russi insieme per la vittoria sul nazismo
    Motociclisti polacchi aiutano i biker russi “Lupi notturni” per celebrare la vittoria sul nazismo
    Tags:
    Lupi notturni, Alexandr Zaldostanov, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik