01:36 29 Aprile 2017
    L'aeroporto di Sanaa nello YemenI bombardamenti dell'Arabia sullo Yemen durano dal 26 marzo

    L'Arabia Saudita usa bombe a grappolo sulla popolazione yemenita

    stringer Sputnik © Sputnik. Faisal Al Shabibi
    1 / 2
    Mondo
    URL abbreviato
    0 47916

    Diffuso un rapporto della ong Human Rights Watch. Le bombe sono di produzione Usa.

    Human Rights Watch ha accusato l'Arabia Saudita di aver usato bombe a grappolo, fornite dagli Usa, nei bombardamenti in corso sullo Yemen dal 26 marzo scorso.

    Human Rights Watch, associazione governativa con sede a New York, ha stilato un documento corredato di fotografie, filmati e testimonianze diffuso dal New York Times e dalla Cnn. In esso, l'ong rivolge l'accusa non solo a Riad, ma anche a Washington, responsabile di aver fabbricato e fornito all'alleato saudita le bombe a grappolo. 

    Le bombe sarebbero state usate dalla coalizione saudita nella provincia yemenita di Saada, roccaforte degli Houthi, in almeno due occasioni. Non è ancora chiaro se abbiano provocato vittime. 

    Ogni bomba a frammentazione rilascia sul terreno trecento piccoli ordigni (nel caso del modello Cbu-105), ognuno dei quali è una mina antiuomo. Ordigni che si distribuiscono in un'area larga anche centinaia di metri e che possono esplodere anche ad anni di distanza.

    • Ribelli, Yemen
      Ribelli Houthi in piazza, Yemen
      © AP Photo/ Hani Mohammed
    • Yemen, le strade di Sanaa il giorno dopo le bombe
      Yemen, le strade di Sanaa dopo un bombardamento
      © Sputnik. Faisal Al Shabibi
    • Un'immagine di San'a, capitale dello Yemen
      Un'immagine di San'a, capitale dello Yemen devastata dai bombardamenti
      © Foto: Naowaf Ibrahim/Sputnik Arabic
    • Proteste a Taez
      Proteste a Taez
      © AFP 2017/ Stringer
    • L`attacco terroristico alla moschea di Sanaa, la capitale dello Yemen
      L`attacco terroristico alla moschea di Sanaa, la capitale dello Yemen
      © AP Photo/ Hani Mohammed
    1 / 5
    © AP Photo/ Hani Mohammed
    Ribelli Houthi in piazza, Yemen

    Alla Convenzione di Dublino che le ha messe al bando, esattamente sette anni fa, hanno aderito subito 111 Paesi. Le nazioni aderenti hano preso l'impegno di non usare, produrre, acquistare, trasferire ad altri le bombe a grappolo. Ma alla Convenzione di Dublino non hanno aderito né gli Stati Uniti nè l'Arabia Saudita.

    Solo sabato scorso gli Houthi avevano fatto un appello all'Onu perché chiedesse di bloccare i bombardamenti. Nel fine settimana, invece, si sono intensificati gli attacchi contro gli insorti che hanno da tempo conquistato la capitale Sana'a e che da circa venti giorni stanno assediando la seconda città più importante dello Yemen, Aden. Uno scenario di guerra che vede su posizioni contrapposte Iran e Stati Uniti, anche se Teheran è solo sostenitore diplomatico degli Houthi, e non ci sono prove che abbia dato un sostegno militare.

    Correlati:

    Yemen: gli USA danno consigli, RT evacua
    A San Pietro "Stop alle bombe saudite in Yemen"
    Ban Ki Moon chiede il cessate il fuoco nello Yemen
    Yemen: ONU introduce nuove sanzioni, la Russia non vota
    Manifestazioni di protesta nello Yemen
    Yemen, i paracadutisti nel porto di Aden erano militari cinesi
    Tags:
    Bombardamento, Arabia Saudita, Yemen, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik