09:25 24 Aprile 2017
    Fiamme alla Casa dei Sindicati, Odessa.

    Mosca accusa: ad 1 anno da tragedia di Odessa “colpevoli impuniti” e "democrazia fittizia in Ucraina"

    © Foto: Odessa-media
    Mondo
    URL abbreviato
    0 39590

    Il 2 maggio 2014 la manifestazione organizzata ad Odessa dagli attivisti del movimento “AntiMaidan” finì in tragedia dopo che i dimostranti erano stati attaccati dai neonazisti ucraini di "Pravy Sektor" e da ultras di calcio.

    Il commissario per i Diritti Umani del ministero degli Esteri della Federazione Russa Konstantin Dolgov ha dichiarato che i crimini degli ultranazionalisti nella strage di Odessa del 2 maggio di un anno fa sono rimasti impuniti, mentre l'impegno a favore della democrazia da parte di Kiev rimane fittizio.

    Il 2 maggio 2014 la manifestazione organizzata ad Odessa dagli attivisti del movimento "AntiMaidan" finì in tragedia dopo che i dimostranti erano stati attaccati dai neonazisti ucraini di "Pravy Sektor" e da ultras di calcio. Diverse decine di membri di "AntiMaidan" sono rimasti uccisi a seguito dell'incendio doloso nella Casa dei Sindacati.

    "Mentre in Ucraina restano nell'impunità questo crimine ed altri commessi dai nazionalisti radicali, l'impegno di Kiev per la democrazia resta fittizio,"

    — ha scritto Dolgov nel suo microblog su Twitter.

    Ha inoltre rilevato che un anno dopo la tragedia di Odessa, le autorità ucraine si sono mostrate reticenti e

    "nessuno è stato punito."

    "Le pseudo indagini delle autorità ucraine sui fatti di Odessa sono una parodia della giustizia, non sono prese sul serio nemmeno dagli esperti politicamente corretti della Commissione Europea,"

    — ha scritto Dolgov.

     

     

    Tags:
    Politica, Giustizia, Incendio, strage, Konstantin Dolgov, Ucraina, Russia, Odessa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik