14:54 27 Aprile 2017
    Casa Bianca

    Gli USA spendono sempre più soldi nella propaganda per falsare ogni parola della Russia

    © flickr.com/ John Connell
    Mondo
    URL abbreviato
    0 530917

    Gli Stati Uniti hanno investito decine di milioni di dollari per la campagna di propaganda antirussa, le spese non faranno altro che crescere dal momento che Washington intende condurre una campagna sui mass media contro Mosca in Russia, ritiene il politologo ed funzionario di Stato americano Paul Craig Roberts.

    Gli USA, che per amor proprio hanno lanciato una serie di campagne militari ingloriose in Medio Oriente, non vogliono rinunciare al mito della "esclusività" della propria nazione, pertanto si sono creati un nemico con la Russia e conducono una guerra d'informazione su larga scala contro i media russi che lavorano all'estero, ritiene Paul Craig Roberts, politologo ed ex consigliere del presidente degli Stati Uniti per gli Affari Economici nell'amministrazione di Ronald Reagan.

    "O trasmettete quello che diciamo oppure vi facciamo chiudere come organizzazione terroristica. Possiamo anche arrestare i vostri collaboratori americani come fiancheggiatori del terrorismo. In altre parole la posizione del capo della "Broadcasting Board of Governors" (BBG, agenzia governativa indipendente responsabile per tutti i mezzi di comunicazione finanziata dal governo americano) suona del tipo: chi dice la verità è un terrorista",

    — scrive Paul Craig Roberts.

    Per combattere la "Russia revanscista" e "il suo esercito di internet", riferisce Roberts, l'amministrazione di Barack Obama stanzia al capo dellla BBG Andrew Luck 15,4 milioni di dollari per screditare ogni dichiarazione della Russia trasmessa in lingua inglese sui media russi.

     

     

    Tags:
    Società, Propaganda, Finanze, governo, mass media, Broadcasting Board of Governors - BBG, Barack Obama, Andrew Luck, Russia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik