08:15 25 Settembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 3°C
    I membri del gruppo radicale ucraino Pravy sektor  (Settore destro)

    L'Esercito Insurrezionale Ucraino rivendica i recenti assassini di politici e giornalisti d'opposizione

    © AP Photo/ Darko Bandic
    Mondo
    URL abbreviato
    0 112759

    Il movimento che si fa chiamare "Esercito Insurrezionale Ucraino" (UPA) ha rivendicato i recenti e clamorosi omicidi avvenuti in Ucraina contro diversi politici e il giornalista Oles Buzina, ha dichiarato il noto analista politico ucraino Vladimir Fesenko.

    Come scritto dal politologo sulla sua pagina Facebook, ha ricevuto una e-mail dal movimento "Esercito Insurrezionale Ucraino", in cui si rivendicano le uccisioni di "Chechetov, Peklushenko, Miller, Kalashnikov e Buzina." Secondo Fesenko, a conferma della veridicità della e-mail vengono forniti dettagli non rivelati precedentemente, come l'utilizzo di armi di calibro 7.65X17 e 9x18 per l'assassinio di Kalashnikov, così come la resistenza del politico che sarebbe riuscito a sparare diversi colpi.

    Omicidio del giornalista Oles Buzina a Kiev
    © REUTERS/ Valentyn Ogirenko

    Vladimir Fesenko riporta anche le intimidazioni da parte dell'UPA, che afferma che i suoi membri "reprimeranno col sangue e la violenza chi mostra posizioni anti-ucraine." Il ministero degli Interni dell'Ucraina e le autorità di Kiev non hanno ancora commentato queste informazioni.

    Nell'ultimo periodo in Ucraina c'è stata una serie di omicidi di risonanza. A marzo l'ex governatore della regione Zaporizhzhya ed ex membro del Partito delle Regioni Alexander Peklushenko è rimasto ucciso per una ferita da arma da fuoco. Recentemente si sono suicidati in circostanze misteriose gli ex deputati del Partito delle Regioni Mikhail Chechetov e Stanislav Miller. Pochi giorni fa è stato ucciso Oleg Kalashnikov, un altro ex deputato del Partito delle Regioni. 

    Ieri è stato ucciso a Kiev il noto giornalista ucraino Oles Buzina, che scriveva per il sito RIA.RU e sosteneva le radici comuni dei popoli slavi (ucraini, bielorussi e grandi russi) e si definiva russo e ucraino. Sosteneva la federalizzazione dell'Ucraina, la sua indipendenza, il bilinguismo nella cultura ucraina e lo sviluppo di entrambe le lingue.

    Gli efferati fatti di sangue sono stati commentati dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente ucraino Petr Poroshenko. Il primo li ha definiti omicidi politici che difficilmente verranno indagati obbiettivamente ed efficacemente, mentre per Poroshenko si tratta di una provocazione contro l'Ucraina. Il capo di Stato ucraino ha chiesto indagini veloci. 

    Particolare attenzione suscita il nome dell'organizzazione che ha rivendicato le recenti uccisioni: "Esercito Insurrezionale Ucraino" (UPA). Era il nome dell'ala militare dell'Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini (OUN) nell'ottobre 1942, il cui scopo era ottenere l'indipendenza dell'Ucraina dall'Urss. L'UPA ha svolto la sua attività principalmente in Ucraina occidentale combattendo contro le truppe sovietiche e collaborando con i nazisti.

     

    Correlati:

    Analisti d'accordo, in Ucraina si uccide per far tacere chi dissente dal governo
    “Rinnegare la storia sovietica prima del 9 maggio aggrava le divisioni in Ucraina”
    Tags:
    Omicidio giornalista, Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini, Oles Buzina, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik