22:41 21 Luglio 2017
Roma+ 28°C
Mosca+ 18°C
    Demolizione statua di Lenin, Ucraina

    “Rinnegare la storia sovietica prima del 9 maggio aggrava le divisioni in Ucraina”

    © Sputnik. Iliya Pitalev
    Mondo
    URL abbreviato
    0 622131

    Il divieto della simbologia comunista in un Paese in cui l'era sovietica ha lasciato un gran numero di monumenti, nomi di vie e di quartieri, farà crescere la rabbia degli ucraini filorussi e li allontanerà ancor di più da Kiev, scrive il “Wall Street Journal”.

    Il divieto della simbologia comunista e l'equiparazione al nazismo non solo allontanerà ulteriormente Kiev da Mosca, ma potrà aggravare ulteriormente la spaccatura nella società ucraina, scrive il "Wall Street Journal".

    La legge contro la simbologia del comunismo è stata approvata dal Parlamento ucraino (Verchovna Rada) poco dopo che il presidente Poroshenko aveva visitato una fossa comune delle vittime delle repressioni sovietiche alla periferia di Kiev ed aveva affermato che Stalin aveva scatenato la Seconda Guerra Mondiale insieme ad Hitler.

    Ora l'Ucraina può disgregarsi ancor di più. Le regione della parte sud-orientale condividono con Mosca una visione positiva sul passato sovietico. Contemporaneamente molti nazionalisti ucraini tendono a rinnegare la storia sovietica pensando di sbarazzarsi così dell'influenza russa.

    Inoltre, secondo il "Wall Street Journal", non è chiaro come la legge che vieta i simboli comunisti possa essere applicata in un Paese in cui l'era sovietica ha lasciato in eredità un gran numero di monumenti, così come i nomi delle vie e di quartieri.

     

     

    Tags:
    URSS, Comunismo, Nazismo, Società, Legge, Wall Street Journal, Parlamento, governo, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik