21:14 23 Marzo 2017
    Soldati americani in LituaniaLe esercitazioni della NATO in Lituania. il 23 marzo di 2015

    I Paesi scandinavi rafforzano la cooperazione militare contro la Russia

    © AP Photo/ Mindaugas Kulbis © AP Photo/ Mindaugas Kulbis
    1 / 2
    Mondo
    URL abbreviato
    0 74727

    I ministri di Danimarca, Norvegia, Svezia, Finlandia ed Islanda hanno annunciato l'intenzione di rafforzare la cooperazione militare tra i loro Paesi e di migliorare la loro preparazione per le situazioni di crisi nella regione.

    E' indicato oggi in un articolo del quotidiano norvegese "Aftenposten", scritto dai ministri della Difesa di Danimarca, Norvegia, Finlandia e Svezia, così come dal ministro degli Esteri dell'Islanda, che non ha  forze armate proprie.

    Gli autori dell'articolo sottolineano che la situazione della sicurezza in Europa è peggiorata in modo significativo a causa della crisi in Ucraina nell'ultimo anno. I ministri sostengono che al momento "le azioni della Russia sono le principali sfide alla sicurezza europea" e il rafforzamento del partenariato di difesa dei Paesi nordici rappresenta una risposta diretta a Mosca che, secondo gli autori, "sta cercando di seminare discordia tra i membri di organizzazioni come la UE e la NATO".

    In qualità di esempi di approfondimento della cooperazione, hanno citato l'aumento del numero di esercitazioni congiunte, l'allargamento della cooperazione nelle missioni internazionali, l'interazione dei servizi di intelligence, il monitoraggio congiunto dello spazio aereo e l'ampliamento della cooperazione nel settore della difesa. Inoltre le forze aeree nazionali, se necessario, potranno utilizzare per le loro esigenze le basi militari dei Paesi vicini.

    Le esercitazioni della NATO in Lituania. il 23 marzo di 2015
    © AP Photo/ Mindaugas Kulbis
    Le esercitazioni della NATO in Lituania. il 23 marzo di 2015

    Come primo possibile esempio di cooperazione, il giornale "Aftenposten" definisce le esercitazioni "Arctic Challenge", previste alla fine di maggio nei territori di Svezia e Norvegia. Secondo i programmi, nelle esercitazioni prenderanno parte i caccia statunitensi "F-15", che si trovano in una delle basi del Regno Unito.

    Per l'autorevole analista e politologo russo Alexander Gusev, l'articolo pubblicato sul "Aftenposten" non rivela nulla di sensazionale:

    "I Paesi nordici hanno espresso la necessità di intensificare i loro sforzi militari alla fine dello scorso anno con l'obbiettivo, come dicono, di proteggere i loro confini sullo sfondo di una crescente minaccia militare da parte della Russia. In realtà sono spaventati non tanto quanto si spaventano tra di loro con la minaccia militare russa.

    Gli esperti sanno che la Russia in realtà sta solo ora ripristinando le sue capacità di difesa, che negli ultimi decenni non erano state sviluppate a sufficienza. Proprio gli sforzi della Russia per garantire la sicurezza dei suoi confini sono diventati il pretesto per le accuse di presunte crescenti minacce da Mosca. Si è parlato molto degli aerei che presumibilmente avrebbero violato i confini, saltano fuori spesso racconti su sottomarini, etc..

    È chiaro che si tratta della posizione della Casa Bianca, che parla costantemente della "aggressività" di Mosca, al momento principalmente in relazione alla situazione in Ucraina. Ma non ci sono ragioni. Ripeto: stiamo solo ripristinando le proprie capacità di difesa per proteggere i nostri cittadini".

    A sua volta il responsabile per le questioni di Difesa del Partito Popolare di Svezia ("Folkpartiet") Allan Widman rileva che non si tratta di cooperazione in caso di conflitto armato. "E' importante che non stiamo parlando di cooperazione in caso di conflitto armato con il convolgimento di questi Paesi", - cita le sue parole il giornale "Svenska Dagbladet". L'approfondimento della cooperazione, secondo Allan Widman, non significa che la Svezia sia pronta ad aderire alla NATO. Ha osservato che negli ultimi anni il governo svedese ha sempre parlato "di cooperazione europea, collaborazione del Nord, cooperazione nordica e collaborazione finno-svedese."

    Correlati:

    Per la Russia le esercitazioni NATO sono contrarie al Trattato di non-proliferazione delle armi nucleari
    Vice ministro della Difesa: NATO sta cercando di dimostrare che ha ragione di esistere
    Tags:
    esercitazioni, NATO, Lituania, Norvegia, Islanda, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik