15:22 12 Dicembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca+ 0°C
    Obiettivo del raid jihadista e` stato il monastero di San Giorgio, nei pressi di Mosul.lL bandiere bandiere nere del califfato sostituite alle croci su diversi campanili della regione.

    Il Califfato si finanzia con il traffico di organi di bambini

    © AFP 2017/ Tauseef Mustafa
    Mondo
    URL abbreviato
    0 66

    Mentre continua l’assedio nel campo profughi palestinese di Yarmouk.

    ARA News, agenzia sostenuta dalla fondazione olandese Free Press Unlimited, riferisce che ad al-Qadam, quartiere di Damasco, una bambina di otto anni sarebbe stata rapita e le sarebbe stato asportato un rene.

    "Mia figlia Raghad — è la testimonianza di Nadia Kamal — è scomparsa dal parco del quartiere. L'abbiamo cercata in diversi ospedali ma senza successo. Così ho denunciato online la sua scomparsa. Dopo dieci giorni sono stata contattata al telefono da una persona sconosciuta che mi ha detto che mia figlia era in buona salute e che potevo riaverla". La piccola sarebbe stata restituita alla famiglia da un uomo col volto coperto. "Sul suo corpo — ha aggiunto Nadia — erano evidenti i segni di un'operazione chirurgica: una visita medica ha confermato l'asportazione di un rene".

    Secondo ARA News, negli ultimi mesi a Damasco il rapimento di bambini e il traffico degli essere umani sarebbero diventati fenomeni "comuni" con l'arrivo dell'ISIS.

    Intanto, Save the Children denuncia che almeno 3.500 bambini sono intrappolati all'interno del campo profughi palestinese di Yarmouk. Secondo gli operatori umanitari sul campo i bambini hanno bisogno di cibo, medicine e protezione e le loro necessità crescono disperatamente di ora in ora, senza che si possa raggiungere il campo profughi. Gli ospedali all'interno di Yarmouk non possono più fornire assistenza sanitaria dopo essere stati distrutti negli ultimi attacchi e le forniture mediche si stanno esaurendo. Attualmente, non ci sono strutture sanitarie che siano in grado di assistere la popolazione civile intrappolata all'interno del campo assediato e i civili feriti dovrebbero essere immediatamente evacuati dal campo per ricevere assistenza. I palestinesi in Siria non possono però lasciare il paese, perché i confini per loro sono chiusi. "A Yarmouk stiamo assistendo a una farsa. I palestinesi all'interno della Siria hanno faticosamente mantenuto una posizione di equilibrio per rimanere fuori dal conflitto, e per questo ora sono sotto assedio" spiega Roger Hearn, direttore regionale di Save the Children in Medio Oriente. "La vera tragedia è che i palestinesi all'interno della Siria non hanno un posto dove scappare e trovare rifugio. È terribile il continuo fallimento della comunità internazionale nei confronti dei palestinesi" aggiunge Hearn. 

    Correlati:

    Al-Zawahiri scioglie Al Qaeda per unirsi al Califfato?
    ISIS: croci e simboli cristiani sostituiti da bandiere del califfato
    Tags:
    save the Children, ISIS, Siria, Damasco
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik