13:10 23 Marzo 2017
    Vladimir Putin, Cremlino

    “Le minacce dei generali guerrafondai della NATO e USA non fanno paura alla Russia”

    © Sputnik. Sergey Guneev
    Mondo
    URL abbreviato
    0 2332363

    Per la NATO è giunto il momento di accettare la realtà e riconoscere che la Russia è una potenza mondiale con i propri legittimi interessi, scrive l'analista militare Brian Cloughley.

    Invece di impegnarsi nelle analisi di "operazioni amministrative" ed "errori amministrativi", il comando della NATO e la sua struttura di supporto, l'esercito statunitense, inutilmente cercano di convincere il mondo "dell'aggressione russa", ritiene Brian Cloughley, ex vice capo della missione militare ONU nel Kashmir, analista militare e scrittore.

    L'Occidente ignora il fatto che l'Ucraina non è un membro della NATO o dell'Unione Europea, sottolinea l'esperto, nelle discussioni sulla validità degli interessi della coalizione occidentale nel conflitto ucraino. Secondo Cloughley, non esiste alcun accordo internazionale che arroghi all'Occidente il diritto per fornire assistenza economica, politica e militare all'Ucraina. La NATO ha sfruttato la crisi politica ucraina solo per trovare un pretesto per la sua "inguaribile ostilità nei confronti della Russia."

    "La NATO ha bisogno di un nemico da contrastare, altrimenti viene meno l'esistenza stessa dell'Alleanza,"

    — scrive Cloughley.

    "L'Alleanza Atlantica doveva essere sciolta dopo il crollo dell'Unione Sovietica, ma al contrario i suoi amministratori hanno iniziato ad espanderla e a rafforzarla in prossimità delle frontiere della Russia. Non è sorprendente che la Russia sia seriamente preoccupata per le intenzioni della coalizione occidentale, dal momento che i loro leader mostrano i muscoli con aria di sfida e sono orientati al confronto."

    Mosca non ha paura delle minacce da generali americani guerrafondai e non ha intenzione di arrendersi alla benevolenza dell'Occidente. L'Alleanza dovrebbe concentrare i propri sforzi non per costruire edifici e sedi di lusso, ma per costruire ponti con la Russia, conclude l'analista.

     

     

    Tags:
    Sicurezza, Politica Internazionale, Geopolitica, Occidente, NATO, Europa, Ucraina, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik