13:13 15 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    Dmitry Peskov, portavoce del presidente Putin

    Al portavoce di Putin è piaciuto lo scherzo delle “Mistral”

    © Fotobank.ru/Getty Images/ Sasha Mordovets
    Mondo
    URL abbreviato
    0 90

    Commentando la notizia, comparsa il 1 aprile, sulla prossima consegna all’Unione Europea di due navi “Mistral”, il portavoce del presidente della Russia, Dmitry Peskov, ha detto che “a Carnevale ogni scherzo vale”, come vale anche l’esecuzione del contratto.

    Stamattima il portale europeo Euobserver, riferendosi al capo della diplomazia europea Federica Mogherini, ha scritto che le due navi "Mistral", inizialmente destinate alla Russia, saranno fornite dalla Francia all'Unione Europea, la prima sarà consegnata già in maggio e sarà portata a Riga, in Lettonia. Quasi subito però la notizia è stata smentita da un rappresentane del servizio diplomatico dell'UE che ha dichiarato che si trattava di un pesce d'arprile.

    Che fosse uno scherzo lo si poteva intuire già dai nomi, con i quali sarebbero state battezzate le due navi: "Juncker" e "Mogherini".

    Il contratto tra Russia e Francia, per la costruzione di due "Mistral", del valore di 1,2 miliardi di euro, veniva firmato in giugno 2011. La prima delle due navi — la nave da sbarco "Vladivostok" — doveva essere consegnata alla Russia ancora il 14 novembre 2014, ma la Francia non ha finora annunciato la decisione definitiva.    

    Correlati:

    La Russia pessimista sulle consegne delle Mistral da parte della Francia
    La Francia inizia i test sulla seconda Mistral
    Tags:
    Mistral, Dmitry Peskov, Francia, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik