23:12 22 Marzo 2017
    Crisi economica ucraina, mendicante in centro a Kiev

    Kiev non può pagare le pensioni nel Donbass come previsto dagli accordi di Minsk

    © AP Photo/ Efrem Lukatsky
    Mondo
    URL abbreviato
    0 823153

    Il rappresentante diplomatico della Repubblica Popolare di Lugansk (LNR) afferma che le autorità di Kiev, che hanno portato al fallimento il Paese, pagando i debiti con nuovi prestiti, stanno condannando di fatto l'intera nazione a decenni di povertà e non saranno in grado di pagare le pensioni.

    Tartassando il proprio popolo, Kiev non potrà onorare una serie di misure dell'ottavo punto degli accordi di Minsk, che prevedono il completo ripristino delle relazioni socio-economiche, ha dichiarato il rappresentante diplomatico delle autorità autonomiste di Lugansk Vladislav Deynego.

    Commentando le dichiarazioni del ministro delle Politiche Sociali dell'Ucraina Pavel Rozenko, secondo cui il Fondo Pensione del Paese è in bancarotta, Deynego ha rilevato che il crack finanziario implica che i pagamenti delle pensioni nel Donbass non verranno effettuati.

    "In questa dichiarazione il ministro sbaglia una sola cosa: non è fallito il Fondo Pensione, ma il governo di Kiev, che ha portato il Paese al collasso economico e ripaga i debiti tramite nuovi prestiti; in questo modo priva le fonti di reddito non solo dei ceti più deboli, ma inoltre per decenni sarà responsabile della miseria di tutti coloro che saranno spremuti per pagare i suoi debiti,"

    — ha rilevato.

    Tags:
    Economia, pensioni, accordi di Minsk, Vladislav Deynego, Repubblica Popolare di Lugansk, Ucraina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik