10:14 16 Dicembre 2017
Roma+ 8°C
Mosca+ 2°C
    La base di Olavsvern affittata a navi russe esploratrici e di ricerca scientifica

    Come la Russia usa la base dei sottomarini in Norvegia

    © Photo: olavsvern.no
    Mondo
    URL abbreviato
    0 71

    Diversi anni fa il governo norvegese aveva venduto ad un privato la base per sottomarini di Olavsvern. Ora la base viene affittata a navi russe esploratrici e di ricerca scientifica.

    "Newsweek" scrive che le autorità norvegesi rimpiangono il giorno in cui hanno venduto la base di Olavsvern vicino al confine con la Russia, nonostante gli abitanti del posto non siano molto preoccupati, in quanto contano che Olavsvern porti vantaggi per l'economia locale.

    "Sei anni fa i politici norvegesi decisero che la Russia non rappresentava più una minaccia significativa e che era giunto il momento di vendere la base top-secret di Olavsvern, situata nella roccia e dotata di sofisticate apparecchiature elettroniche," — si legge nell'articolo di "Newsweek".

    Il governo aveva messo in vendita la base attraverso il sito "finn.no", l'equivalente norvegese di "eBay". La vendita della base non è stata veloce, in quanto non era facile trovare acquirenti disposti a sborsare 12,1 milioni di euro. Alla fine "l'esclusivo immobile" di quasi 950 milioni di metri quadrati è stato venduto "solo" a 4,4 milioni di euro al miliardario norvegese Gunnar Wilhelmsen.

    Wilhelmsen ha affittato la base ad una flotta di navi da ricerca russe. Così da poco è arrivata ad Olavsvern la nave "Akademik Nemchinov" della società "Sevmorneftegeofizika", che si occupa di rilievamenti sismografici.

    Nei commenti a "Newsweek", il "cacciatore svedese di sottomarini" in pensione Göran Frisk ha dichiarato che le navi di ricerca russe "non sono una barzelletta," in quanto stanno studiando la possibilità di dislocare sottomarini nucleari e le stesse imbarcazioni possono metter in acqua piccole unità subacquee.

    "Sputnik" ha deciso di chiarire di cosa si occupi veramente ad Olavsvern la compagnia "Sevmorneftegeofizika" ed ha contattato l'amministratore delegato della società Kostantin Dolgunov, che ha evidenziato:

    "La nostra compagnia ha alcun rapporto con la base, abbiamo solo affittato l'ormeggio. Siamo clienti di compagnie russe petrolifere e del gas, impegnate nella ricerca di nuovi giacimenti di petrolio e di gas nei fondali marini. Al momento non viene condotta alcuna ricerca scientifica, nella base è ormeggiata solo una nave con un equipaggio di 14 persone."

    Relativamente alle dichiarazioni di Göran Frisk a "Newsweek", secondo cui le navi da ricerca russe studierebbero la possibilità di dislocare sottomarini nucleari e le stesse imbarcazioni sarebbero in grado di metter in acqua piccole unità subacque, Kostantin Dolgunov ha sottolineato:

    No, non è così. Non ci poniamo questi problemi, il nostro compito è la ricerca di nuovi giacimenti e nient'altro.

    Ha aggiunto che la nave "Akademik Nemchinov", di cui parla l'articolo di "Newsweek", tornerà a Murmansk all'inizio di gennaio.

    Nota informativa: Göran Frisk (anno di nascita 1943) ha guadagnato notorietà nei media  relativamente alla sua irremovibile convinzione che la Russia (Unione Sovietica) conduca attività sottomarine nel Mar Baltico dal 1945. Nei media si è espresso sostenendo che il possibile attacco di sottomarini russi nelle acque vicino a Stoccolma dimostrerebbe la preparazione della Russia ad una guerra, così come ha raccontato che l'esercito svedese ha già danneggiato alcuni sottomarini russi.

    Hyperlink: http://sv.wikipedia.org/wiki/G%C3%B6ran_Frisk

    Correlati:

    Russia, portati in stato di combattimento la Flotta del Nord e il Distretto militare occidentale per controlli a sopresa
    Tags:
    Sottomarini, Norvegia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik