12:04 13 Dicembre 2017
Roma+ 14°C
Mosca+ 3°C
    giornali

    Le prime pagine italiane del 20 marzo

    © Fotolia/ Pio Si
    Mondo
    URL abbreviato
    0 0 0

    Politica interna in evidenza questa mattina sui quotidiani italiani, con l'annuncio del ministro delle Infrastrutture Lupi sulle sue dimissioni a dividersi le aperture con la rivendicazione da parte dell'ISIS dell'attacco al Bardo.

    "L'ISIS minaccia: 'E' solo l'inizio". Questo il titolo per Il Corriere della Sera che, nel sommario, riporta la notizia della foto apparsa su Twitter di una delle 4 vittime italiane a Tunisi con la scritta "Schiacciato un crociato". Il taglio alto l'annuncio delle dimissioni da parte del ministro Lupi alla trasmissione televisiva Porta a Porta: "Voglio tutelare la mia famiglia".

    "Lupi, l'addio in TV: 'Ma il premier non mi ha difeso" è la scelta de La Repubblica, che di spalla scegli le minacce ISIS con "Schiacciati crociati italiani", e dando notizia dell'annuncio del ministro della Difesa italiano Roberta Pinotti: Nuovi aerei nel Mediterraneo.

    I due argomenti viaggiano in tandem anche su La Stampa che divide la prima pagina tra affari interni ed esteri. A sinistra "Quattro morti italiani. L'ISIS: ' E' soltanto l'inizio", con Renzi che in Consiglio d'Europa ha esortato i partner: "Non siate strabici, non c'è solo l'Ucraina".  A destra la politica nazionale, con la resa del ministro dopo giorni di pressing e bugie: "Lupi: me ne vado ma lasciate in pace la mia famiglia".

    Lettura politica forte per Il Giornale, che sulla vicenda dell'inchiesta sui grandi appalti titola polemicamente: "Eseguita la sentenza di Renzi", sostenendo nel sommario che il premier "caccia il ministro non indagato" e anticipando nel nome del magistrato Gratteri il successore di Maurizio Lupi alle Infrastrutture.

    Tunisia al centro dell'attenzione del quotidiano cattolico Avvenire, che apre con una foto sulle manifestazioni contro il terrorismo in corso di svolgimento in Tunisia, il titolo è "L'IS rivendica, Tunisi grida no".

    Su Il Fatto Quotidiano le carte dell'inchiesta Grandi Opere, con particolari raccapriccianti sul fenomeno corruttivo assicurato dal sistema di potere: "Derubano gli alluvionati per le maxi-opere inutili". In taglio centrale "Lupi va da Vespa e si dimette. Scaricato da Renzi e Alfano".

    Correlati:

    Arrestati quattro terroristi a Tunisi
    ISIS: croci e simboli cristiani sostituiti da bandiere del califfato
    Tags:
    ISIS, Maurizio Lupi, il ministro di Trasporti e Infrastrutture, Matteo Renzi, Europa, Italia, Tunisi
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik