14:50 17 Dicembre 2017
Roma+ 11°C
Mosca+ 3°C
    Le parenti delle vittime dell`esplosione della chiesa a Lahore

    Pakistan, strage di cristiani a Lahore

    © REUTERS/ MOHSIN RAZA
    Mondo
    URL abbreviato
    0 0 0

    Due attacchi suicidi da parte dei talebani nella capitale del Punjab nella mattinata di domenica: quindici morti e decine di feriti. Autorità pakistane: attacco contro l'umanità.

    Due attentatori del gruppo talebano estremista Tehrek-e-Taliban Pakistan si sono fatti esplodere ieri mattina davanti a due chiese a Lahore, la capitale del popoloso Stato pakistano del Punjab. I due attentati, avvenuti all'ingresso di due chiese cristiane nel quartiere di Youhanabad, sono stati rivendicati dal gruppo di fondamentalisti che vuole riportare la legge coranica nella regione. Il bilancio delle vittime è di 15 morti e oltre 80 feriti.

    Testimoni oculari hanno reso noto che a seguito degli attentati, la folla inferocita avrebbe sottratto alla polizia due uomini accusati di essere i fiancheggiatori dei kamikaze, torturandoli e bruciandone i corpi in strada. Cordoglio da parte del premier pakistano Nawaz Sharif che ha definito l'attentato "non un attacco alla comunità cristiana ma allo stesso Pakistan". Le autorità cristiane pakistane hanno fatto sapere di avere dichiarato tre giorni di lutto nazionale, mentre l'amministrazione del Punjab ha disposto la chiusura delle scuole cristiane per un giorno.

    La difficile situazione della comunità cristiana in Pakistan non è una novità di questi mesi. I fenomeni di intolleranza verso le minoranze cristiane si sono aggravati negli ultimi anni, con un'escalation di attentati e assassini a sfondo religioso, spesso coperti dalla controversa legge sulla blasfemia pakistana, che che non hanno risparmiato le massime autorità. Già nel 2011, il governatore del Punjab Salmaan Taser ed il ministro per minoranze religiose Shahbaz Bhatti vennero uccisi in due attentati per la loro presa di posizione contro la condanna a morte di una donna, accusata di blasfemia.

    Durissima la reazione di Papa Francesco, che durante l'Angelus di ieri in piazza San Pietro, ha ricordato le vittime puntando il dito contro l'indifferenza della comunità internazionale. "Con dolore, con molto dolore ho appreso degli attentati terroristici contro due chiese cristiane a Lahore che hanno provocato morti e feriti — ha detto Bergoglio — Chiedo che la persecuzione contro i cristiani — ha concluso duramente il Pontefice — che il mondo cerca di nascondere, finisca e ci sia la pace".

    Correlati:

    Le prime pagine italiane del 16 marzo
    Tags:
    comunita cristiana, Papa Francesco, Pakistan
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik