09:10 26 Marzo 2017
    Presidente Venezuela

    Gli USA dichiarano il Venezuela una minaccia per la sicurezza nazionale

    © AP Photo/ Andrew Medichini
    Mondo
    URL abbreviato
    0 97173

    Il presidente Barack Obama ha emesso un ordine esecutivo in cui dichiara il Venezuela una minaccia nazionale, sanzionando sette persone ed esprimendo timori sul trattamento da parte del governo venezuelano degli oppositori politici.

    Il governo americano ha accusato il presidente Maduro di violare la dichiarazione dell'Organizzazione degli Stati Americani "e altri strumenti fondamentali di democrazia e diritti umani".

    I membri del governo venezuelano sanzionati che, secondo gli USA, avrebbero partecipato "all'arresto o processo giudiziario di persone che volevano esercitare il diritto alla libertà di espressione" e "ad atti di violenza contro manifestanti dell'opposizione" sono il comandante della regione di difesa integrale centrale, Antonio Benavides Torres, il direttore della polizia politica SEBIN, Gustavo González López, il presidente della corporazione venezuelana di Guayana ed ex comandante della Guardia Nacional, Justo Noguera Pietri, il pubblico ministero Katherine Haringhton, il direttore della polizia nazionale bolivariana, Manuel Pérez Urdaneta, il comandante della 31° brigata armata dell'esercito, Manuel Bernal Martínez e l'ispettore generale delle forze armate, Miguel Vivas Landino. Le sanzioni consistono nel congelamento di beni negli Usa e nella proibizione all'ingresso negli Stati Uniti.

    In una nota il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest dichiara che "funzionari venezuelani passati e presenti che hanno violano i diritti umani di cittadini venezuelani e ingaggiato atti di corruzione pubblica non saranno i benvenuti negli USA. Ora abbiamo gli strumenti per bloccare i loro asset e l'uso da parte loro del sistema finanziario Usa".  

    Nella nota viene precisato che gli USA "sono profondamente preoccupati per gli sforzi del governo venezuelano nell'aumentare l'intimidazione dei suoi oppositori politici". La Casa Bianca ha inoltre chiesto al Venezuela di rilasciare tutti i prigioneri politici, compresi "decine di studenti, il leader dell'opposizione Leopoldo López e i sindaci Daniel Ceballos e Antonio Ledezma ".

    Simili procedimenti hanno già colpito Iran, Siria, Birmania, Sud Sudan, Repubblica Centroafricana, Yemen, Libia, Somalia, nonché Russia e a altri regimi considerati da Washington ostili e pericolosi per la pace mondiale.

    La risposta del presidente Maduro è stata immediata e trasmessa a reti unificate. Queste le sue dichiarazioni: "Il governo americano vuole farmi cadere. È questo il mandato. È l'anticamera di un intervento militare".

     

    Correlati:

    Lavrov: USA e UE dovrebbero usare sanzioni contro Ucraina
    Lo “Stato islamico” lancia il suo social network
    Tags:
    Barack Obama, Libia, Siria, USA, Venezuela
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik