14:07 11 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 1°C
    Presidente dell'autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk Alexander Zakharchenko

    Kiev non rispetta gli accordi di Minsk per il leader dei filorussi di Donetsk

    © Sputnik. Igor Maslov
    Mondo
    URL abbreviato
    0 31

    Il presidente della Repubblica Popolare di Donetsk (DNR) Alexander Zakharchenko ha rilevato che le milizie hanno ritirato le armi pesanti, hanno trasmesso i dati sulle loro posizioni agli ispettori dell'OSCE, mentre la parte ucraina non ha intrapreso nessuno di questi passi. Ha inoltre aggiunto che i bombardamenti contro Donetsk proseguono.

    La prima parte degli accordi di Minsk non è completamente rispettata dalla parte ucraina: le forze della DNR hanno ritirato le armi pesanti dalla linea di separazione, mentre l'Ucraina non lo ha fatto, ha riferito ai giornalisti il presidente della DNR Alexander Zakharchenko.

    "Abbiamo ritirato tutte le armi con calibro superiore ai 100 millimetri. L'Ucraina purtroppo non lo ha fatto. Abbiamo comunicato all'OSCE tutti i luoghi del dislocamento di queste armi. L'Ucraina non lo ha fatto. I bombardamenti su Donetsk non si fermano. La prima parte dell'accordo Minsk non è stata affatto rispettata," — ha detto Zakharchenko.

    Le autorità ucraine hanno iniziato nel mese di aprile dello scorso anno un'operazione militare nel Donbass contro gli oppositori del colpo di stato. Secondo gli ultimi dati dell'ONU, le vittime del conflitto sono oltre 6mila. L'ennesima riunione del gruppo di contatto del 12 febbraio si è conclusa con il sì all'adempimento degli accordi di Minsk, in particolare con il cessate il fuoco nel Donbass a partire dal 15 febbraio, il ritiro delle armi pesanti e la creazione di una zona di sicurezza demilitarizzata.

    Tags:
    Accordi di Minsk, OSCE, Alexander Zakharchenko, Ucraina, Donbass, Repubblica popolare di Donetsk
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik