20:50 02 Dicembre 2016
    confine Siria Turchia

    ISIS, critiche al MI5 inglese dopo la cattura del boia

    © REUTERS/ Osman Orsal
    Mondo
    URL abbreviato
    0 175 0 0

    Sotto accusa i servizi segreti interni del Regno Unito: Mohammed Emwazi era sotto controllo da sei anni.

    Pesanti critiche nel Regno Unito dopo le prime indiscrezioni sul boia dell'ISIS identificato in queste ore da Scotland Yard. Secondo una fonte interna ai servizi di Sua Maestà infatti, Emwazi sarebbe stato interrogato in questi anni più di una volta, secondo il quotidiano Times addirittura dodici, nel tentativo di farlo collaborare e diventare un informatore. L'uomo, un cittadino londinese di 27 anni identificato in queste ore come il boia dei video di esecuzioni marchiate ISIS, era stato arrestato la prima volta nel 2009 mentre cercava di unirsi alle milizie jihadiste Al Shabab al confine tra Tanzania e Somalia. Nonostante i suoi precedenti, l'uomo ha potuto nel 2012 lasciare nuovamente Londra, sfuggendo così alle forze di sicurezza britanniche per unirsi al califfato. Ed è stata proprio questa circostanza a scatenare la polemica attorno all'operato dei servizi di intellingence e più in generale ai metodi con cui in questi anni è stato affrontato l'allarme terrorismo. Gli osservatori oltremanica sottolineano le delicatezza del momento, con le elezioni politiche alle porte, ma prevedono che l'indagine interna a Scotland Yard delle prossime settimane avrà delle certe ripercussioni sul voto. 

    Correlati:

    Estremisti ISIS distruggono preziose opere d’arte
    Identificato Jihad John, il boia dell'ISIS
    Tags:
    ISIS, Tanzania, Somalia, Regno Unito
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories

    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      Vladimir Putin ha firmato una nuova dottrina di politica estera della Russia secondo la quale Mosca è pronta a dare a qualsiasi atto aggressivo da parte di Washington una risposta speculare o asimmetrica.

      41071
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      4424
    • Vladimir Putin

      di Paul Craig Roberts.

      71014
    • Sergio Zanotti

      Si infittisce il mistero sulla scomparsa dell'imprenditore italiano Sergio Zanotti, 56 anni, sequestrato in Siria da un gruppo di sedicenti (o reali?) terroristi e del quale si sa ancora poco.

      1613
    • Il premier italiano Matteo Renzi al summit UE.

      Negli ultimi giorni di convulsa campagna referendaria abbiamo assistito a funamboliche capriole elettorali da parte degli esponenti del governo Renzi, ma l'uscita più ardita rimane quella del premier, che ha tentato di sdoganarsi quale nemico dell'establishment che comanda in Europa.

      121513
    • Vladimir Putin parla all'Assemblea Federale

      La Russia non cerca nemici, ma vuole essere artefice del proprio destino senza suggerimenti altrui non richiesti. Questa è la posizione in politica estera espressa dal presidente Putin davanti all’Assemblea Federale. Pronti a collaborare con Trump, perché dai rapporti bilaterali fra Stati Uniti e Russia dipende la sicurezza mondiale.

      0 631