21 gennaio 2015, 15:48

Renzi da Davos: Il futuro dell'Italia è adesso

Renzi da Davos: Il futuro dell'Italia è adesso

Iniziato il World Economic Forum. Intervento del premier italiano Renzi che difende le riforme

Cambiare passo, in Italia ed in Europa. E' questo in estrema sintesi il contenuto dell'intervento del primo ministro italiano Matteo Renzi all'arrivo a Davos per il World Economic Forum. La città svizzera è la sede del meeting invernale che per cinque giorni vedrà assecondarsi sul palco dei lavori il gotha della politica e della finanza a livello globale. L'apertura di quest'anno era affidata proprio al premier italiano che ha parlato delle sfide della politica economica comunitaria, dopo avere risposto alla stampa sulle riforme messe in campo dal suo esecutivo, prima dell'inizio dei lavori del Forum. “L'Europa non può essere solo burocrazia” ha detto Renzi che ha ribadito la necessità di superare le politiche di austerity che hanno dominato la scena europea in questi anni. Rispondendo poi a chi chiedeva di tracciare un bilancio sul semestre di presidenza italiana dell'UE, il premier italiano ha detto di non sapere se sia stato buono, concludendo che forse è stato buono “per metà”. Renzi, che giungeva a Davos lasciandosi alle spalle le scorie della politica italiana, in fermento per la contestata legge elettorale in via di approvazione in Italia, ha difeso ancora una volta le scelte del governo, ribadendo la necessità di non interrompere un perocrso di riforme necessario. “La nuova legge darà una leadership chiara e stabilità ai governi eletti. Le polemiche sono normali – ha concluso renzi – ma noi non molliamo di un centimetro”.

  •  
    Condividere su