22 febbraio 2015, 11:59

La granduchessa Olga: nata nella ricchezza e morta in povertà

La granduchessa Olga: nata nella ricchezza e morta in povertà

In Danimarca si è svolta la presentazione del libro La Principessa Olga in esilio. E' dedicato alla principessa Olga, sorella minore dell'ultimo zar russo Nicola II. Olga era figlia dello zar Alessandro III e dell'imperatrice Maria Fedorovna (la principessa danese Dagmar) ed ultima Granduchessa della Russia.

La maggior parte della sua vita Olga (1882-1960) l'ha trascorsa in esilio, prima in Danimarca, dove era fuggita con la madre dopo la Rivoluzione del 1917, e poi in Canada.

Per lei non è stato facile, ha avuto una vita piena di drammaticità. Come raccontato nel libro, Olga è nata nel lusso ed è morta povera in una fattoria canadese. La principessa considerava gli anni più felici del suo esilio quelli trascorsi in Danimarca, dove ha vissuto un sobborgo di Copenaghen, a Ballerup. Tuttavia durante tutta la sua vita Olga ha mantenuto l'amore per il suo Paese, la Russia.

E' dimostrato dalle sue opere d'arte: Olga è stata una pittrice di grande talento. Il libro, pubblicato dalla casa editrice Poul Kristensens Forlag, è illustrato con molte fotografie, che forniscono i dettagli dei suoi dipinti in olio, degli acquerelli, della sua pittura su porcellana e dei disegni dei giardini.

Gli autori del libro sono lo storico Kim Frederichsen, la critica d'arte Anne Hedeager Krag e il docente presso l'Università di Copenaghen Karsten Fledelius.

  •  
    Condividere su