14:08 16 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
809
Seguici su

Una morte tragica avvenuta in una fabbrica tessile di Montemurlo, il secondo infortunio mortale sul lavoro dall'inizio dell'anno tra Pistoia e Prato, dopo la morte di un operaio schiacciato da una pressa lo scorso febbraio. Preoccupazione fra i sindacati Cgil, Cisl e Uil che lanciano una "forte azione di mobilitazione" per il prossimo venerdì.

Luana D'Orazio è morta a soli 22 anni in una fabbrica tessile di Oste di Montemurlo, in provincia di Prato. Operaia di una fabbrica tessile da circa un anno è stata risucchiata dal rullo di un macchinario mentre stava lavorando. Viveva in provincia di Pistoia con la mamma, il papà e il fratello. Lascia orfano un bambino di soli 6 anni. 

L'incidente è avvenuto lunedì mattina mentre la giovane lavorava all'orditoio. Secondo una prima ricostruzione sarebbe rimasta impigliata negli ingranaggi e risucchiata dal rullo del macchinario che prepara l'ordito del tessuto. Accanto a lei il collega non si è accorto di nulla, solo quando si è voltato si è accorto della tragedia. Riferisce di "non aver sentito le urla". 

L'allarme è scattato immediatamente e sul posto sono arrivati, oltre ai soccorsi, le forze dell'ordine e i tecnici dell'Asl che hanno messo sotto sequestro il macchinario per accertare la sicurezza dei dispositivi. 

L'incidente mortale sul lavoro lascia lo sgomento nella comunità dove all'inizio di febbraio un altro giovane operaio di 23 anni, Sabri Jaballah, era morto schiacciato da una pressa a Montale. I sindacati convocano una mobilitazione generale per il prossimo venerdì. 

“Non si può non rilevare che ancor oggi si muore per le stesse ragioni e allo stesso modo di cinquant’anni fa: per lo schiacciamento in un macchinario, per la caduta da un tetto – sottolineano in una nota -. Non sembra cambiato niente, nonostante lo sviluppo tecnologico dei macchinari e dei sistemi di sicurezza. È come se la tecnologia si arrestasse alle soglie di fabbriche e stanzoni. Dove si continua a morire e dove, troppo spesso, la sicurezza continua ad essere considerata solo un costo“.

Le autorità locali hanno espresso il cordoglio alla famiglia della giovane. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook