01:02 08 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
363
Seguici su

L'Italia è prevalentemente in zona gialla anche se alcune regioni restano in fascia a rischio maggiore con divieti agli spostamenti e limiti alle attività di ristorazione.

Non ci saranno enormi cambiamenti nella nuova mappa dei colori delle regioni in vigore da domani lunedì 3 maggio. La maggior parte del territorio italiano resterà giallo mentre solo sei regioni saranno assegnate a fasce di rischio più alto. 

Migliora la situazione in Sardegna che lascia la zona rossa e passa ad arancione assieme a Sicilia, Puglia e Basilicata e Calabria. Retrocede la Val d'Aosta che da lunedì diventerà l'unica regione italiana in fascia rossa con regole rigide riguardo spostamenti e attività di bar, ristoranti ed esercizi commerciali. 

In base ai dati del monitoraggio Iss l'indice di contagio Rt si è ridotto a 0.85 con un'incidenza di 146 casi su 100mila abitanti. L'ultimo bollettino delle autorità sanitarie diramato questo sabato segnala 12.965 i contagi da coronavirus e 226 decessi. In calo il tasso di positività nazionale che passa al 3,4%. 

Le regole della zona gialla

Il decreto Riaperture in vigore da lunedì 26 aprile ha ripristinato le zone gialle, con alcune regole per permettere la ripartenza di tutte le attività finora sottoposte a limitazioni per l'emergenza sanitaria. Ecco alcune delle novità introdotte con il decreto Riaperture:

  • Spostarsi tra le Regioni gialle, anche attraversando territori rossi o arancioni, sarà libero.
  • Fino al 15 giugno ci si potrà recare in un’altra abitazione privata in quattro, anche con figli minori sopra i 14 anni.
  • I locali saranno aperti a pranzo e a cena, salvo il coprifuoco delle 22 che resta in vigore.
  • Si potrà consumare seduti all’aperto al tavolo al massimo in quattro, o più persone se conviventi.
  • Per i bar sarà consentito il servizio ai tavoli all'aperto e anche al banco solo "in presenza di strutture che consentano la consumazione all'aperto".
  • Fino alla fine dell’anno torneranno in classe in presenza anche gli studenti delle scuole superiori, dal 70 al 100%.
  • Restano chiuse palestre e piscine, riprendono gli sport di squadra e di contatto all’aperto. Dal 15 maggio riprendono le attività in piscina all’aperto e dall’1 giugno anche le palestre.
  • Riaprono al pubblico cinema, teatri, live club ma è obbligatorio avere posti preassegnati e la distanza di un metro tra un posto e l’altro. La capienza è al massimo del 50% o 500 spettatori al chiuso e 1.000 all’aperto.

Regole in zona rossa e arancione

Per le regioni a maggiore restrizione è previsto l’accesso alle seconde case.

È possibile spostarsi per il rientro alla propria residenza.

I bar e i ristoranti restano chiusi ma è consentito l’asporto e la consegna a domicilio.

In zona rossa la scuola in presenza è garantita dal 50 al 75%.

 

Tags:
Sardegna, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook